Rinasce il giardino-parco di Boboli

L’importante campagna di restauri, iniziata nel 2013, comprende giardini «segreti» e Kaffeehaus

La Kaffeehaus di Boboli. Foto Sailko CC BY 2.5
Laura Lombardi |  | Firenze

Al via il rinascimento di Boboli, lo storico giardino-parco di 30 ettari nell’Oltrarno fiorentino, sotto tutela dell’Unesco dal 2013, che cinge Palazzo Pitti, l’ex reggia dei granduchi medicei poi lorenesi, fino ad arrivare ai sovrani dell’Italia unita, i Savoia. L’importante campagna di restauri alle opere scultoree (più di 300 di importanti maestri) e riassetto del verde ha preso il via nel 2013 con il dono di due milioni di euro da parte di Gucci.

Previsti per il prossimo autunno i lavori di restauro botanico del Viottolone dei Cipressi e del Viale dei Platani, con la ricomposizione storica dei filari alberati, mentre è in corso un programma di monitoraggio e valutazione di stabilità delle 3mila piante di alto fusto. Saranno aperte in via ordinaria alcune parti prima inaccessibili, tra cui l’esotico Giardino della Botanica superiore detto anche «degli Ananassi», dove sono riunite
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Laura Lombardi
Altri articoli in MUSEI