Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Archeologia

Riapre la Casa del Frutteto a Pompei

La domus è decorata con affreschi di III stile in cui spiccano motivi floreali e specie arboree

Una delle pareti della Casa del Frutteto a Pompei

La Casa del Frutteto, che affaccia su via dell’Abbondanza a Pompei, riapre alle visite la prima settimana di febbraio, del tutto restaurata nelle pitture e nelle parti musive e pavimentali. Scavata tra il 1913 e il 1951, la domus è decorata con affreschi di III stile e custodisce due cubicoli sulle cui pareti spiccano motivi floreali e specie arboree.

Questi ambienti destano l’interesse degli studiosi perché consentono di conoscere sia i tipi di piante coltivate in antico nei giardini delle case sia la tipologia dei frutti da esse prodotti. I due cubicoli sono decorati con sfondo diverso: celeste per il giorno e nero per la notte.

L’intervento di restauro messo in campo dal Parco Archeologico di Pompei si è concentrato essenzialmente sulla pulitura delle pareti con il recupero della pellicola pittorica originale, oltre che sul consolidamento nelle aree di scollamento e sul ripristino dei colori.

Quest’ultimo, effettuato dopo che uno studio approfondito delle pareti e dei danni da esse presentati aveva indicato quali fossero gli interventi legittimi di integrazione pittorica, è stato portato avanti in maniera «molto attenta e pensata» con interventi finalizzati a ricostruire il colore originario mediante tratteggio verticale ad acquarello. È prevista l’apertura di altre case i cui giardini sono stati restaurati, tra cui la Casa degli Amorini Dorati e i Praedia di Giulia Felice.

Carlo Avvisati, da Il Giornale dell'Arte numero 405, febbraio 2020


GDA aprile 2020

Vernissage aprile 2020

Il Giornale delle Mostre online aprile 2020

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012