Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Raffaelliadi umbre

Stendardo processionale di Raffaello, Città di Castello, Pinacoteca Civica. Da Prima e dopo Raffaello. Città di Castello e il Rinascimento, a cura di A. Delpriori, Perugia 2019

Per i 500 dalla morte di Raffaello le amministrazioni regionali di Marche e Umbria coordinano palinsesti espositivi in più città. Ne diamo una selezione, le date potranno cambiare. Per un quadro più completo, rimandiamo ad alcuni siti web istituzionali (in aggiornamento):


www.raffaelloinumbria.it; http://eventi.turismo.marche.it (eventualmente www.turismo.marche.it o www.destinazionemarche.it).

A Urbino la Galleria Nazionale delle Marche a Palazzo Ducale, dove prosegue fino al 13 aprile «Raphael Ware. I colori del Rinascimento», da giugno a settembre espone arazzi su cartoni del pittore nato in città il 28 marzo 1483. Le Sale del Castellare (nel Palazzo Ducale ma esterne al museo) da giugno a ottobre hanno la mostra «Raffaello e Baldassarre Castiglione» con documenti, oggetti, codici e opere sull’autore del Cortegiano e la vita di corte.

A Loreto, fino al 19 aprile il Comune nel Bastione Sangallo espone l’arazzo da un cartone di Raffaello raffigurante Ananias e Saphira. Il Museo Pontificio della Santa Casa invece propone dal 4 aprile al 5 luglio la mostra «La Madonna del velo o Madonna di Loreto» focalizzata su una replica di bottega di un dipinto raffaellesco disperso.

A Jesi i Musei Civici di Palazzo Pianetti dal 6 giugno al 6 gennaio 2021 allestiscono «Raffaello e Angelo Colocci. Bellezza e scienza nella costruzione del mito della Roma antica» sulle connessioni tra il pittore e l’umanista jesino che fu personaggio influente nelle lettere e nelle arti nella città dei papi.

A Città di Castello, nella Pinacoteca Comunale a Palazzo Vitelli della Cannoniera da ottobre a gennaio 2021, «Raffaello giovane a Città di Castello e il suo sguardo» ruota intorno a più confronti con l’unica opera del pittore rimasta in città, lo stendardo processionale (con fronte e retro) conservato nel museo, con prestiti da musei italiani e stranieri.

A Perugia. In collegamento con la mostra di Città di Castello, avrà una nuova illuminazione al termine di un restauro il solo Raffaello rimasto a Perugia, l’affresco della Trinità e i santi nella Cappella di San Severo.
La Galleria Nazionale dell’Umbria organizza dal 3 ottobre al 10 gennaio 2021 la mostra «La fortuna della deposizione Baglioni di Raffaello nelle copie perugine»: sette antiche copie del capolavoro dipinto in città dall’urbinate nel 1507 nella Chiesa di San Francesco al Prato, trafugato e portato a Roma dal cardinale Scipione Borghese nel 1608.
«Fortuna e mito di Raffaello in Umbria», da giugno a ottobre al Museo civico di Palazzo Penna, si concentra sulla lezione del pittore diffusa quando era ancora in vita e oltre.
«Raffaello in Umbria e la sua eredità», a Palazzo Baldeschi dall’8 aprile al primo novembre: installazioni multimediali, documenti, disegni, incisioni e dipinti sulla formazione umbra del giovane artista e sul suo mito nell’800.

A Gubbio «Dal lustro all’istoriato: Raffaello e la nuova maiolica», alle Logge dei Tiratori, da aprile a ottobre propone una cinquantina di maioliche umbre «a lustro», dalle origini ad oggi, con supporti multimediali.

Stefano Miliani, da Il Giornale dell'Arte numero 406, marzo 2020



GDA maggio giugno 2020

GDA408 maggio-giugno VERNISSAGE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELLE MOSTRE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELL

GDA408 maggio-giugno VEDERE IN ABRUZZO

GDA408 Inchiesta FAREMO COSÌ

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012