Profondo rosso

Silvano Manganaro |  | Roma

Tutti i frequentatori della galleria L’Attico considerano Matteo Montani (Roma, 1972) una presenza costante. Il rapporto (almeno da come lo descrive il gallerista Fabio Sargentini nel suo scritto di introduzione alla mostra) sembra ancora quello tra un giovane e talentuoso pugile e il maestro di grande esperienza. Ne viene fuori una mostra dominata dal colore rosso, aperta sino al 20 gennaio.

Quella di Montani è una costante evoluzione che, come fa notare Marco Tonelli nel suo testo in catalogo, ha sviluppato l’intero spettro delle frequenze cromatiche: blu, poi bianco, poi oro e adesso rosso, con vari intermezzi di interazione non fondamentali. E l’esperienza della mostra è proprio un viaggio in questo rosso (il titolo è, infatti, «Racconto rosso»), dal tono freddo e scuro, un rosso profondo che non ha nulla della serenità e della gioia di vivere associata a questo colore.

I dipinti di Montani
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Silvano Manganaro