Pasionaria fotografa: Tina Modotti a Jesi

Palazzo Bisaccioni ospita una mostra sulla pioniera dell’azione politica e della fotografia

Edward Weston, «Ritratto di Tina Modotti nella casa di Weston a Glendale Glendale, California», 1922. Photo courtesy Galerie Bilderwelt di Reinhard Schult
Stefano Miliani |  | Jesi (An)

Pasionaria dai forti ideali, indipendente, fotografa. Nella mostra su Tina Modotti (1896-1942) che Palazzo Bisaccioni allestisce dal 12 aprile al primo settembre, uno scatto racchiude la consapevolezza formale e l’attenzione al lavoro da parte della friulana trapiantata prima negli Stati Uniti e poi in Messico: «Serbatoio numero 1» del 1927 con un operaio in cima a una scala ispeziona una enorme cisterna. È una delle 60 immagini scelte da Reinhard Schulz dalla sua Galerie Bilderwelt di Berlino per la rassegna «Tina Modotti fotografa e rivoluzionaria» voluta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi e ideata da Francesca Macera.

In sei sezioni, la mostra ricapitola l’avventurosa vicenda di una pioniera dell’azione politica e della fotografia. Partendo dalla storia familiare e dall’emigrazione in California, Schulz affronta la breve carriera a Hollywood, che la volle nel ruolo di femme fatale,
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Miliani