Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Marino Golinelli instancabile mecenate della cultura

I 100 anni dell'imprenditore farmaceutico tra arte e scienza

Marino Golinelli

Un centenario vivace e brillante, instancabile. E non si tratta di una ricorrenza o di un anniversario bensì di un uomo che ha compiuto in questi giorni i suoi cento anni di vita e che ha vissuto il suo secolo intero a cavallo fra due secoli frenetici sempre altrettanto freneticamente creando, costruendo, sempre alla ricerca di qualcosa di meglio e di più.

Prima per sé, creando fin da giovane un’impresa farmaceutica a livelli di leader internazionale, poi per i figli, allargando quell’impresa a un articolato «impero» di cui ha lasciato, da vari anni ormai, appunto agli eredi la gestione, innovazione, continuazione.

E infine per il futuro delle giovani generazioni, creando per loro la Fondazione Golinelli (il cui claim è «L’intelligenza di esserci», e la dice lunga…) e le sue diversificate emanazioni, tutte declinate nell’interazione e suggestione reciproca fra Arte e Scienza: il grande «ombrello creativo» Opificio Golinelli, il ciclo di manifestazioni La Scienza in Piazza, lo Start-Laboratorio di Culture Creative, dedicato alla conoscenza, alla creatività e alla diffusione della cultura scientifica e artistica fra bambini e ragazzi dai 2 ai 13 anni e le loro famiglie (nel 2012 qualificato fra i migliori dieci Children Centres a livello europeo), la mostra-laboratorio EmozionArti di Scienza, il Giardino delle Imprese, scuola informale di cultura imprenditoriale che valorizza le doti individuali e le propensioni dei giovani all’intraprendere, il Centro Arti e Scienze Golinelli per la ricerca, l’immaginazione e la sperimentazione, inaugurato nel 2017, e poi nel 2018 l’Incubatore-Acceleratore per nuove realtà imprenditoriali G-Factor e nel 2019 la prima edizione di «Life Science Innovation».

Senza comunque dimenticare il patrimonio culturale del passato bolognese che lo ha sempre visto in prima fila nella tutela, salvaguardia e restauro dei principali «asset culturali» (li chiamerebbe così) della città, a cominciare dall’attenzione speciale e costante riservata al settecentesco e bibienesco Teatro Comunale, la cui platea interamente restaurata e rinnovata «sua impensa refecit» ed è a lui giustamente intitolata.

Giovanni Pellinghelli del Monticello, edizione online, 14 ottobre 2020



GDA411 OTTOBRE 2020

GDA411 OTTOBRE 2020 VERNISSAGE

GDA411 OTTOBRE 2020 GDECONOMIA

GDA411 OTTOBRE 2020 GDMOSTRE

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012