Maratona di suoni con immagini

Nel programma di «Firenze suona contemporanea» Nyman, Kentridge, Dudley, Reich, Cage e Glass

«The guide to an exhibition», performance di William Kentridge e Joanna Dudley. © Foundation Louis Vuitton | Martin Raphaël Martiq
Laura Lombardi |  | Firenze

Settembre all’insegna dei rapporti tra musica del Novecento e contemporanea coniugata all’arte visiva: dal 7 al 27 settembre al via l’XI edizione (nell’ambito di «Estate fiorentina 2019») del festival internazionale «Firenze Suona contemporanea», con la direzione artistica di Andrea Cavallari.

Un programma ricco e di qualità che vede ad esempio Michael Nyman alla Manifattura Tabacchi con la prima mondiale di «Nyman’s Earthquakes» (7-14 settembre); qui troviamo anche le videoinstallazioni dei giovani Matteo Pasin e Daniela Di Maro, mentre al Tebidarium Roster sono William Kentridge e Joanna Dudley con la prima italiana, il 25 settembre, della performance «The guide to an exhibition».

La scultrice Nancy Burson è alla Manifattura con «Dna has no color» (fino al 14 settembre) ma anche al Museo Marini (13-23 settembre) con videoinstallazioni. Al Museo Novecento sono i concerti solistici di
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Laura Lombardi