Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Licini paesaggista francesizzante

Novanta dipinti nel centro studi e casa museo a Monte Vidon Corrado

Osvaldo Licini «Paesaggio marchigiano», 1926

È noto per la sua inconfondibile astrazione fantastica, scelta da Fabio Fazio come fondale scenografico anche per l’ultima edizione del programma di Rai2 «Che tempo che fa». Ma è sorprendente scoprire quanto Osvaldo Licini si sia dedicato anche al paesaggio. Lo documenta «La regione delle madri. I paesaggi di Osvaldo Licini», la mostra con novanta dipinti e trenta disegni esposti dal 25 luglio all’8 dicembre nel Centro Studi Osvaldo Licini e nella Casa Museo, dove il pittore nacque nel 1894 e si stabilì dal 1926 con la moglie Nanny Hellström, la pittrice svedese conosciuta a Parigi. Promossa dalla Regione Marche e organizzata dal Comune di Monte Vidon Corrado con il Centro Studi liciniano, l’esposizione è curata da Daniela Simoni (nella foto).

«Una mostra sui suoi paesaggi non è mai stata allestita, anche se questo è il vero fil rouge della sua arte», spiega la curatrice e direttrice del Centro Studi. «L’idea di fondo è di evidenziare quella che Zeno Birolli nel libro sugli scritti liciniani Errante, erotico, eretico definisce “circolarità del tempo”: nei dipinti Licini stratifica, cancella, sovrappone, rielabora temi iconografici e schemi compositivi che permangono nelle diverse fasi stilistiche». Parlando di paesaggi, tra i riferimenti cari al pittore vi sono «soprattutto Cézanne, insieme a Van Gogh e Matisse: li ritroviamo tutti come suggestione. Nelle marine è più presente Matisse, nei paesaggi marchigiani Cézanne. Stefano Brancalente ha trovato le chiavi interpretative di alcune opere astratte in scritti di Jean Cocteau, che Licini conobbe a Parigi. La cifra francese è molto presente». Accompagnata da un’approfondita ricerca e analisi sui dipinti condotta da Mattia Patti, la mostra esplora anche la storia espositiva dei paesaggi figurativi del pittore, documentata nel catalogo (Electa) da Bianca Lucia Maglione: «Licini li ha esposti anche nelle fasi successive, quella astratta e quella del figurativismo fantastico», conclude Daniela Simoni. Segno che il tema non è mai sparito dal suo orizzonte.

Stefano Miliani, da Il Giornale dell'Arte numero 409, agosto 2020



GDA Abbonamenti 2020




GDA411 OTTOBRE 2020

GDA411 OTTOBRE 2020 VERNISSAGE

GDA411 OTTOBRE 2020 GDECONOMIA

GDA411 OTTOBRE 2020 GDMOSTRE

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012