GDA414 in edicola
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Letizia Battaglia ha fatto la sua scelta

Alla Casa dei Tre Oci 200 immagini della fotografa palermitana, tra le quali molte inedite

«Pasolini al Circolo Turati», 1972, di Letizia Battaglia. © Letizia Battaglia

Livorno e Venezia. A chi continua a chiamarla fotografa della mafia, Letizia Battaglia ricorda di avere nel suo archivio «moltissime foto della società palermitana, dei poveri, dei poveracci e pure dei ricchi, anche se non mi piaceva fotografarli». Per quanto la sua attenzione vada alla Sicilia martoriata da «Cosa nostra» tra gli anni Settanta e i Novanta, la sua è un’indagine sociale che abbraccia ogni aspetto della realtà.

Ogni inquadratura si trasforma in una domanda a bruciapelo, sia che documenti un assassinio, sia che cerchi il futuro negli occhi di una bambina o la forza tragica nel volto di una vedova di mafia. I temi della sua fotografia si ritrovano tutti in due mostre. La prima, promossa dalla Fondazione Carlo Laviosa, si è tenuta fino al 15 marzo ai Granai di Villa Mimbelli a Livorno (a cura di Serafino Fasulo, catalogo con testi di AA.VV.); la seconda è invece allestita alla Casa dei Tre Oci, a cura di Francesca Alfano Miglietti.

In 200 immagini, tra le quali molte inedite, «Letizia Battaglia.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Chiara Coronelli, da Il Giornale dell'Arte numero 395, marzo 2019

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA414GDA414 VERNISSAGEGDA414 GDECONOMIAGDA414 GDMOSTREGDA414 RA ASTE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012