Le rare stampe artistiche di Bastian

Nel quartiere di Dahlem la galleria berlinese ospita una collettiva in cui sono fogli di grandi nomi a far la parte del leone

«He is smart too» (2016), di Damien Hirst. © Damien Hirst. Cortesia Galleria Bastian, Berlino
Francesca Petretto |  | Berlino

«Rare Prints/Stampe rare: Cy Twombly, Roy Lichtenstein, Andy Warhol, Damien Hirst, Emma Stibbon» (dal 3 febbraio al 20 aprile) è la prima mostra dedicata al mezzo della stampa artistica dalla Galerie Bastian nella sua sede sulla Taylorstraße nell’elegante quartiere di Dahlem, a Berlino
« Self-Portrait, 1978-1979», di Andy Warhol. © The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts Inc. Cortesia Galleria Bastian, Berlino
Comprende un gran numero di opere grafiche rare di nomi di spicco della scena artistica contemporanea internazionale: oltre ai lavori dell’artista, collezionista ed imprenditore britannico Damien Hirst (Bristol, 1965), capofila del gruppo conosciuto come Yba-Young British Artists ed esponente della cosiddetta «Freeze Generation» (da «Freeze», mostra d’arte svoltasi nel luglio 1988 in un edificio vuoto della London Port Authority ai Surrey Docks, nei Dockland londinesi, di cui Hirst stesso fu il principale organizzatore), e della sua rinomata collega Emma Stibbon (Münster, 1962), il cui nome è tra i principali sponsorizzati dalla galleria tanto a Londra quanto a Berlino, vi saranno esposti anche quelli di tre loro grandi antesignani statunitensi: Andy Warhol (Andrew Warhola Jr., 1928-87), Roy (Fox) Lichtenstein (1923-97) e Cy Twombly (al secolo Edwin Parker Jr., 1928-2011).
«Imperfect» (1988), di Roy Lichtenstein. © Estate of Roy Lichtenstein. Cortesia Galleria Bastian, Berlino
L’esposizione comprende, tra le altre, una serie completa di quattordici stazioni sulla «Via Crucis» di Damien Hirst, una suite di sei litografie di Cy Twombly, due stampe irriprodotte (ovvero in copia unica) di Andy Warhol, e una xilografia con elementi di collage di Roy Lichtenstein.

© Riproduzione riservata
Calendario Mostre
Altri articoli di Francesca Petretto