La pittura che deborda

Federico Florian |  | Torino

L’arte di Andrew Dadson ruota attorno al concetto di limite e confine. «Nella mia pratica sono alla ricerca di nuovi spazi e opportunità per poi interrogarmi su dove tali confini comincino e finiscano», dichiara l’artista canadese (1980).

Andrew Dadson, still dal video «Sunrise/Sunset», 2015I suoi dipinti «reintelati» sono forse i suoi lavori più noti: sono tele con un eccesso di pittura sui bordi, successivamente trasferite e riallungate su tavole più ampie. L’artista conferisce così spessore alla superficie bidimensionale della tela, creando lavori a metà tra pittura e rilievi scultorei. Per una sua personale da Franco Noero («Islands», dal 22 settembre al 27 ottobre), Dadson, oltre a una serie di piccoli dipinti reintelati, presenta sei nuove ampie tele che testimoniano un’evoluzione nella sua tecnica pittorica. Le forme scultoree che generalmente occupano i bordi dei suoi dipinti ora si spostano verso il centro, plasmando superfici simili a bassorilievi
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Federico Florian