Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Restauro

Il gonfalone del padre di Raffaello

Lo stendardo è stato restaurato e analizzato con le tecniche più avanzate per osservarne le sezioni stratigrafiche

Il Gonfalone processionale della Confraternita eugubina del Corpus Domini

Gubbio (Pg). Nell’anno che celebra i 500 anni della morte di Raffaello si è riacceso l’interesse per il Gonfalone processionale della Confraternita eugubina del Corpus Domini dipinto da Giovanni Santi, il padre di Raffaello. È stato così sottoposto a restauro e analisi della tela con le tecniche più avanzate per osservarne le sezioni stratigrafiche: riflettografia, infrarossi, fluorescenza a raggi X ed esami al microscopio elettronico.

L’obiettivo è stabilire se all’opera, dimenticata per cinque secoli in un cassetto «accartocciata come uno straccio strizzato» e ritrovata per caso vent’anni fa, ha lavorato anche Raffaello, come è stato ipotizzato fin dal 2004. Furono per primi la storica dell’arte della Soprintendenza di Perugia Giordana Benazzi e il direttore dell’Ufficio Beni culturali della diocesi di Gubbio Paolo Salciarini a sostenere che alcune parti delle figure del Cristo e dei santi sono da attribuire al giovane.

Nella relazione del recente restauro, che ha eliminato le ridipinture e riportato in superficie colori e forme originali di eccellente qualità, si legge: «Sul piviale di sant’Ubaldo (il gonfalone è bifacciale) abbiamo scoperto il primo dei monogrammi del Divino Urbinate, ripetuti più volte nell’opera». Secondo la Benazzi la prova della sua tesi sull’intervento di Raffaello, messa in dubbio da studiosi eugubini tra cui Ettore Sannipoli, Francesco Mariucci e Fabrizio Cece, è proprio quella sigla ripetuta, una R e una V, tracciate sul piviale.

Anche il paleografo Massimiliano Bassetti si è dichiarato certo al 98% che quella sia la firma del pittore urbinate e secondo la sua ipotesi la sigla va interpretata come RAV o RAPhV, cioè Raphael Vrbinas. Ma per gli scettici quelle lettere sono invece la sigla del vescovo patrono di Gubbio, sant’Ubaldo, a cui il Gonfalone è dedicato. Lo studioso inglese di Raffaello Tom Henry ha contestato sia la firma sia lo stile pittorico: conferma soltanto che per lui lo stendardo è riconducibile all’ambiente urbinate di Giovanni Santi e databile tra il 1485 e il 1515. Insomma il dubbio resta.

Tina Lepri, da Il Giornale dell'Arte numero 405, febbraio 2020



GDA maggio giugno 2020

GDA408 maggio-giugno VERNISSAGE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELLE MOSTRE

GDA408 maggio-giugno IL GIORNALE DELL

GDA408 maggio-giugno VEDERE IN ABRUZZO

GDA408 Inchiesta FAREMO COSÌ

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012