I mausolei turchesi in gara con il cielo

Un’importante indagine di Giovanni Curatola sull’arte in Iran

La Moschea Blu di Istanbul
Elena Casalini |

Dal fango, luce e ombra dei mattoni seccati al sole ai colori dei mina’i, dal blu da mille e una notte delle lajvardina al turchese di moschee e mausolei in gara con il cielo, dall’equilibrio tra movimento e staticità dipinto, cercato e raggiunto delle miniature ai nodi di lana e seta colorata intrecciate a ricreare cacce e giardini, seguendo le linee infinite degli arabeschi che si rincorrono catturati da pannelli in stucco o mattonelle sgargianti: il libro di Giovanni Curatola è un tappeto volante (d’altronde non è forse persiana per eccellenza la concezione dello spazio misurato dal vento?) guidato da un jinn appassionato e profondo conoscitore della materia.

L’opera è una rielaborazione della parte dedicata all’Islam del libro L’Iran. Arte persiana (Jaca Book, Milano 2004), scritto a quattro mani dall’autore con il suo maestro, l’illustre orientalista Gianroberto Scarcia, che si era
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Elena Casalini