I contestatori spettinati

Al Palazzo delle Paure il movimento della Scapigliatura analizzato tra arte e letteratura

Ada Masoero |  | LECCO

Nel Palazzo delle Paure di Lecco va in scena fino al 10 gennaio una ricognizione sul movimento lombardo-piemontese degli Scapigliati. Formato da artisti insofferenti alle norme accademiche, nacque dopo l’Unità d’Italia.

Curata da Simona Bartolena, la mostra «La Scapigliatura. Una generazione contro» (catalogo La Grafica/Ponte43) riunisce 80 opere di dipinti e sculture di Tranquillo Cremona, Daniele Ranzoni, Giuseppe Grandi e dei loro seguaci, mettendole in dialogo con le esperienze scapigliate letterarie e musicali.

Il percorso si apre con i «precursori» (il Piccio, Faruffini e altri) e si chiude con le influenze sui divisionisti Giuseppe Pellizza da Volpedo e Giovanni Segantini.

© Riproduzione riservata
Calendario Mostre
Altri articoli di Ada Masoero
Altri articoli in MOSTRE