Gli animali vivi e palpitanti di Sinibaldo

A Genova si sono da poco concluse due mostre dedicate a Sinibaldo Scorza, pittore di scene di genere «avezzo a maneggiare la penna disegnando»

Federica Mancini |  | Genova

La prima, presso Palazzo Grimaldi della Meridiana, era una retrospettiva sulla sua opera pittorica; la seconda si riferiva al corpus grafico di Scorza conservato presso il Gabinetto Disegni e Stampe di Palazzo Rosso che Piero Boccardo e Margherita Priarone hanno scelto di esporre (si tratta di un centinaio di disegni) nelle teche storiche di Franco Albini al secondo piano di Palazzo Rosso.

Il catalogo di questa seconda mostra è un vero e proprio testo di studio, quarto esemplare della collana dei Quaderni di Palazzo Rosso.
Nell’ambito della storia del disegno la ricerca progredisce in continuazione. Nel caso di Scorza, la pubblicazione di composizioni religiose e degli studi di figure, tutti inediti e provenienti dal fondo Montecucco, porta a riconsiderare la sua attività grafica, per quanto alcuni disegni gli siano attribuiti in via ipotetica o alcuni raffronti non siano convincenti.

La varietà dei
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata