Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Fritz Overbeck incisore a casa sua

Esposte oltre 60 acqueforti dell'artista tedesco all'Overbeck-Museum di Brema

«Am Rande des Moores» («Sul limitare della palude»), di Fritz Overbeck. © Overbeck-Museum

Brema (Germania). Fritz Overbeck (1869-1909) appartiene a una particolare generazione di pittori tedeschi, quella dei fondatori del Gruppo di Worpswede, creato a imitazione della francese Scuola di Barbizon.

I Worpsweder si riunirono nel 1889 nell’omonima cittadina della Bassa Sassonia, dando vita a un collettivo di artisti (Künstlerkolonie affine a quella di Darmstadt). La loro colonia fu narrata da Rilke, divenne in breve tempo famosa e cadde nelle spire dell’ideologia nazista (per cui divenne vero e proprio fulcro artistico), rinascendo infine attorno al 1970 in una nuova, liberata forma associativa.

Brema ospita dal 1990 un museo dedicato alla coppia Fritz-Hermine Overbeck che custodisce molte famose grandi incisioni e altre opere grafiche dei due artisti e ospita dal 10 febbraio al 28 aprile la mostra «Fritz Overbeck. Die Radierungen».

Nella tecnica dell’incisione Overbeck è stato in grado di sviluppare i suoi prediletti motivi naturistici con impressionante precisione e grande libertà artistica. Che siano di banchi di nuvole, alberi scossi dalla tempesta o luminosi tronchi di betulla bianca, vale la pena ammirare la bellezza di queste oltre 60 incisioni.

Francesca Petretto, da Il Giornale dell'Arte numero 394, febbraio 2019


Ricerca


GDA febbraio 2019

Vernissage febbraio 2019

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012