Frieze si scopre conservatrice

Federico Florian |  | Londra

La pittura, «valore sicuro» sul mercato del contemporaneo, è stata la grande protagonista, a scapito del video e della performance

Una follia collezionistica pare aver investito la settimana londinese di Frieze Art Fair, tenutasi dal 14 al 17 ottobre nella consueta sede di Regent’s Park. Contemporaneamente alle aste di Christie’s e Sotheby’s (se ne riferisce in queste pagine), orde di collezionisti si sono riversati nei corridoi della fiera londinese il giorno della preview (il 13 ottobre), tanto da far dichiarare il «sold out» a molte delle gallerie partecipanti.

La pittura è stata la vera protagonista di Frieze. Grandi tele astratte riempivano gli stand di Victoria Miro (Secundino Hernández), Greene Naftali (Günther Förg, Jacqueline Humphries, Sophie von Hollerman) e Sadie Coles (Laura Owens). David Kordansky (Los Angeles) ha presentato cinque «neon painting» di Mary Weatherford, tra i 105mila e i
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Federico Florian