Flash news

Arte e imprese, nuove prospettive crescono tra premi, produzioni e celebrazioni

Artissima, Premio Merz, Dominique White, stand della galleria Veda. Photo courtesy: Perottino-Piva / Artissima
Maria Elena Santagati |

Pubblicato il rapporto «Arte: il valore dell’industry in Italia». Arte e imprese nel nuovo progetto di Fondazione Cassa Depositi e Prestiti e Ministero Affari Esteri. Veuve Cliquot, Yayoi Kusama firma la nuova annata della Grande Dame. Vini Arnaldo Caprai, 50 anni di Sagrantino con le nuove etichette firmate da Paolo Canevari. Premio COMEL, i vincitori dell’ottava edizione “Legami in alluminio”. Firenze, 460 anni di storia della Farmacia SS. Annunziata in mostra. Artissima, sempre più saldo il rapporto con le imprese.

Pubblicato il rapporto «Arte: il valore dell’industry in Italia».
Realizzato dall’Osservatorio Nomisma e promosso dal Gruppo Apollo, con la collaborazione di Intesa Sanpaolo, è stato presentato a Roma il rapporto che fotografa il mercato dell’arte in Italia e il suo impatto economico e occupazionale. Un mercato con un volume d’affari pari a 1,46 miliardi di €, con il fatturato di case d’asta, gallerie, antiquari e mercanti d’arte pari a 1,04 miliardi di euro nel 2019, a cui si aggiungono 420 milioni di euro derivanti da logistica, pubblicazioni, assicurazioni, fiere, istruzione e restauratori; prima della pandemia, l’indotto diretto delle principali fiere dell’arte italiane contava 68,1 milioni di €. Il mercato italiano rappresenta il 2% del mercato rispetto alle vendite a valore delle opere d’arte in Europa, valore che raggiunge il 6% a seguito della Brexit. Un impatto economico indotto di 3,78 miliardi di €, grazie a un effetto moltiplicatore per ogni euro stimato in 2,60€. Un settore che impiega 36.000 addetti e si compone di 4 mila soggetti tra gallerie d’arte moderna e contemporanea, antiquari e case d’asta, restauratori, consulenti, operatori della logistica, assicurazioni, fiere e mondo dell’accademia. Nonostante negli ultimi anni si rilevi una diminuzione di player, le transazioni registrano un aumento del 2% rispetto al 2011. Tra le principali sfide per gli operatori rilevate dalla ricerca, figurano il digitale, la formazione, ostacoli di natura burocratica.

Arte e imprese nel nuovo progetto di Fondazione Cassa Depositi e Prestiti e Ministero Affari Esteri.
Un progetto di mecenatismo culturale per la produzione di opere d’arte contemporanea, che vede uniti giovani artisti e aziende italiane. Questo l’obiettivo di “We Love Art. Vision and Creativity Made in Italy”, iniziativa promossa dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) e dalla Fondazione CDP e curata dal critico d’arte Ludovico Pratesi e dal curatore Marco Bassan. Otto artisti italiani under 35 hanno così potuto realizzare un’opera legata ai processi produttivi di altrettante aziende italiane, facendo eco alla celebre mostra spoletina “Sculture nella città”, che nel 1962 espose opere di artisti internazionali realizzate nelle officine dell’Italsider. Di seguito le imprese e gli artisti coinvolti nell’iniziativa: per Ansaldo Energia: Namsal Siedlecki; per CDP Immobiliare: Amedeo Polazzo; per ENI: Tomaso de Luca; per Open Fiber: Benni Bosetto; per Snam: Alice Ronchi; per Terna: Giulia Cenci; per TIM: Giulio Saverio Rossi; per Webuild: Lulú Nuti. Le opere, oggetto di una mostra itinerante a livello internazionale grazie alla collaborazione di Ambasciate, Consolati e Istituti Italiani di Cultura, sono attualmente in esposizione a Seul, per poi approdare a Chongqing (Cina), New York, Città del Messico, Il Cairo e Berlino.

Veuve Cliquot, Yayoi Kusama firma la nuova annata della Grande Dame.
È Yayoi Kusama, figura di spicco del panorama artistico giapponese, attiva tra arti visive, danza, moda, design, scrittura e composizione musicale, l’artista incaricata della decorazione dell'astuccio e della bottiglia de La Grande Dame 2012 di Veuve Cliquot, in cui i suoi motivi distintivi, i pois, diventano minuscole bollicine di champagne. A questi si aggiunge la creazione di un oggetto con sembianze di un fiore, in accompagnamento a un numero limitato di bottiglie, frutto di oltre 250 ore di lavoro e disponibile in soli 100 pezzi numerati: “My Heart That Blooms in The Darkness of The Night”. “Questo fiore opulento - un oggetto artistico che simboleggia la vita, l'amore e la pace - è una creazione originale. È un tributo alla natura, tanto amata sia da Madame Clicquot che da Yayoi Kusama. Un fiore che avvolge la bottiglia de La Grande Dame, con gioia e vivacità” si legge nella presentazione. Già nel 2006 la celebre artista aveva collaborato con la Maison, rielaborando con i suoi pois il ritratto originale di Madame Clicquot nell’ambito di un'asta a Tokyo.

Vini Arnaldo Caprai, 50 anni di Sagrantino con le nuove etichette firmate da Paolo Canevari.
Un’edizione limitata di Montefalco Sagrantino Docg per celebrare i 50 anni dell’azienda Arnaldo Caprai, leader nella produzione del celebre vino umbro e impegnata sul territorio con importanti progetti di sviluppo, a livello tecnologico e culturale. Un anniversario celebrato con una preziosa etichetta celebrativa da collezione, in oro zecchino con foglia d’oro della storica azienda fiorentina Giusto Manetti Battiloro, firmata dall’artista romano Paolo Canevari. Ispirandosi alla tavola del “Matrimonio mistico di Santa Caterina d’Alessandria” di Benozzo Gozzoli, datato 1466 e conservata nel Museo Francescano di Montefalco, l’artista ha realizzato un’etichetta che interpreta il legame con il terroir, la storia e la cultura umbre, destinata a circa 2.400 bottiglie nel formato da 0.75 litri (oltre a 150 da 1.5 litri, 30 da 3 litri e 20 da 5 litri). Bottiglie con un notevole potenziale di invecchiamento, di oltre 25 anni, grazie alla metodologia “vinification integral”.

Premio COMEL, i vincitori dell’ottava edizione “Legami in alluminio”.
Vincitori dell’ottava edizione del Premio COMEL Vanna Migliorin Arte Contemporanea, selezionati a fronte di oltre 350 candidature, sono il collettivo torinese The Bounty KillArt, che ha ottenuto il premio della giuria, e la spagnola Ana Celdrán Beltrán, che ha ottenuto il premio del pubblico. Con l’istituzione del Premio in memoria di Vanna Migliorin, fondatrice dell’azienda nel 1968 insieme al marito Alfonso Mazzola e appassionata d’arte, CO.ME.L. (Commercio Metalli Latina), azienda leader nella lavorazione di metalli di alluminio, ha inteso promuovere l’arte contemporanea, i rapporti interculturali, nonché il legame tra arte e impresa, nel caso specifico valorizzando la materia prima dell’alluminio e le sue possibilità espressive. Tema dell’edizione e della mostra in corso presso lo Spazio COMEL di Latina, che vede l’esposizione di opere dei 13 finalisti, è “Legami in Alluminio”, a sottolineare la capacità di combinazione dell’alluminio con altri elementi. «Con un utilizzo pieno ed esperto dell’alluminio, il collettivo recupera con una fine operazione concettuale la figura della celebre scultura “Galata morente”, interpretandola con un segno ed una prospettiva intensamente allusivi alla drammatica attualità, ma anche a tutti i naufragi del tempo e della storia», questa la motivazione del premio all’opera vincitrice “Castaway”. I vincitori saranno in esposizione, presso lo spazio aziendale, con una personale nel corso del 2022.

Firenze, 460 anni di storia della Farmacia SS. Annunziata in mostra.
"460", tanti quanti gli anni di storia della storica casa profumiera fiorentina, fondata nel 1461 da Domenico Brunetti nell’immobile di proprietà delle Monache di S. Niccolò, nei pressi del Duomo, e dal 1970 di proprietà della famiglia Azzerlini. Questo il titolo della mostra che si terrà dal 19 novembre al 4 dicembre 2021 presso la Galleria d’arte La Fonderia di Firenze (Via della Fonderia, 42r). L’iniziativa è realizzata nell’ambito del progetto “Fondente”, promosso dalla Galleria con l’obiettivo di valorizzare le eccellenze del territorio attraverso il contributo di artisti contemporanei. Un racconto lungo oltre quattro secoli per l’antica farmacia, evolutasi da spezieria a farmacia a brand di cosmetici e alta profumeria, grazie alle interpretazioni di nove artisti che hanno ciascuno sviluppato nove significativi periodi della sua storia: Francesco Bidetti, Irene Bulletti, Riccardo Caleffi, Claudio Cionini, Rossella Liccione, Cristina Mariani, Simone Masetto Maghe, Skim e lo scultore Lorenzo Galligani. Un anniversario che vede anche il lancio della nuova linea d’immagine di Farmacia SS. Annunziata 1561 e della nuova collezione di profumi, tra cui compare la fragranza Anniversary.

Artissima, conclusa la XXVIII edizione, sempre più saldo il rapporto con le imprese.
31.500 visitatori in 4 giorni e 155 gallerie da 37 paesi per la ventottesima edizione di Artissima, conclusasi il 7 novembre. Saldo il legame col mondo imprenditoriale, che prosegue a livello di sponsorizzazioni, con una rete di 32 partner e sponsor partner, di riconoscimenti, con l’assegnazione di ben 10 premi, e di progetti culturali di valorizzazione delle collezioni, anche diffusi in città. Si pensi alla mostra Vitalità del tempo. Le collezioni d’arte di Intesa Sanpaolo, a cura di  Luca Massimo Barbero; al progetto espositivo con immagini dall’Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo e dall’Achivio Storico della Banca, a cura di Barbara Costa e Ilaria Bonacossa; all’installazione site-specific 6 CHAIRS di Augustas Serapinas (Vilnius, 1990) nel Salone delle Feste dello storico Hotel Principi di Piemonte | UNA Esperienze; alla collaborazione con Combo, divenuta una creative lounge per accogliere il mondo dell’arte; inoltre, il neonato ArtVenture, progetto di mappatura a cura di Nicola Zanella di iniziative di dialogo tra imprese e arte contemporanea. Di seguito i vincitori dei premi promossi in collaborazione col mondo delle imprese: Premio illy Present Future: Diana Policarpo, presentata dalla galleria LEHMANN + SILVA di Porto; Premio FPT for Sustainable Art: Lennart Lahuis, presentato dalla galleria Dürst Britt & Mayhew de L’Aia; Premio Tosetti Value per la fotografia: Fatma Bucak, presentata dalla galleria Peola Simondi di Torino; Premio Carol Rama by Fondazione Sardi per l’Arte: Ivana Spinelli, presentata dalla GALLLERIAPIÙ di Bologna; Premio VANNI #artistroom: Catalin Pislaru, presentato dalla galleria Nir Altman di Monaco; Xiaomi HyperCharge Award: Gillian Brett, presentata dalla galleria C+N Canepaneri di Milano e Genova; Premio Ettore e Ines Fico: ex-equo a Mimosa Echard e Namsal Siedlecki, presentati rispettivamente dalla Galleria Martina Simeti di Milano e da Magazzino di Roma; Premio “ad occhi chiusi…” (Artissima e Fondazione Merz): assegnato ex-aequo a Heba Y. Amin, presentata dalla galleria Zilberman di Istanbul e Berlino, e Dominique White, presentata dalla galleria Veda di Firenze; JaguArt – The Italian Talent Road Show: assegnato a Luca Arboccò; 5 artisti zelezionati per Surfing NFT, il progetto della piattaforma Beyond Production di Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT e Artissima: Darren Bader - Franco Noero, Torino / Claudia Comte - König, Berlino / Matteo Nasini - Clima, Milano / Sarah Ortmeyer - Dvir, Bruxelles e Tel Aviv / Damon Zucconi - VEDA, Firenze.


Arte e Imprese - pagina coordinata dal 2014 da Catterina Seia

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Maria Elena Santagati
Altri articoli in IMPRESE