Flash news

Arte e aziende, contaminazioni per nuove narrazioni

Michele Guido, Conseguente evoluzione, stampa lambda e serigrafia su acetato
Maria Elena Santagati |

«Arte e impresa», il progetto di Casa degli artisti di Milano. L’azienda Ghella si racconta con una raccolta di opere fotografiche. «Art’igiani», la rassegna di CNA Treviso con cui l’arte entra in azienda. «Rinascimento industriale», format digitale per raccontare la cultura d’impresa. «Art factor», progetto di promozione dell’arte contemporanea del gruppo bancario BFF. Firenze, al via i lavori per la “Factory” della Manifattura Tabacchi. Intesa San Paolo on air, raccolta di podcast per un cantiere di immaginazione sociale.

«Arte e impresa», il progetto di Casa degli artisti di Milano
Con 1.250 mq di superficie, 11 atelier, uno spazio espositivo, un bistrot, uno spazio esterno affacciato sul verde, Casa degli Artisti di Milano, nuovamente inaugurata nel febbraio 2020 a cento anni circa dalla sua nascita, si pone quale «luogo di connessioni» fra artisti e attori della società e delle imprese, per favorire una contaminazione e un legame tra mondi eterogenei che generi valore per la comunità. Con il nuovo progetto Arte&Impresa, l’obiettivo diventa quello di sperimentare nuove modalità di storytelling aziendale in collaborazione con artisti. La prima esperienza intrapresa è con Havas Pr per la creazione di una «edizione d’artista» di Michele Guido. «Dopo 17 anni in cui abbiamo chiesto la collaborazione di artisti per realizzare opere di valore da condividere con i nostri partner, quest’anno abbiamo pensato a un cambio di passo: non solo commissionare delle opere, ma affiancarci a una struttura di eccellenza che ci consenta non solo di accedere a un ampio circuito di artisti, ma anche di progettare insieme, in un proficuo confronto, quali opere realizzare e con che obiettivi. Una nuova linfa creativa che possa arricchire il business e portarlo a sperimentare nuove contaminazioni con al centro i valori e le persone», dichiara Caterina Tonini, Amministratore Delegato Havas Pr.

Ghella, l’azienda si racconta con una raccolta di opere fotografiche dei cantieri
Con «Di roccia, fuochi e avventure sotterranee», raccolta di campagne fotografiche realizzate da diversi fotografi in cantieri in Europa, Estremo Oriente e Oceania, la nota e storica azienda specializzata in scavi in sotterraneo, in particolare con l’utilizzo delle Tunnel Boring Machines, e nella realizzazione di opere infrastrutturali quali metropolitane, ferrovie, autostrade e opere idrauliche, si racconta in una contaminazione tra fotografia artistica e documentazione di progetti di ingegneria. Con la curatela di Alessandro Dandini de Sylva, l’opera commissionata da Ghella si articola in sei volumi cartonati bilingue (italiano e inglese): i primi cinque documentano indagini fotografiche nei cantieri di Atene (opere della fotografa Marina Caneve), Oslo (opere di Fabio Barile), Hanoi (opere di Francesco Neri), Sydney (opere di Alessandro Imbriaco) e Brennero (opere di Andrea Botto), mentre il sesto libro propone una selezione di fotografie dall’archivio storico dell’azienda, in particolare dalla fine dell’Ottocento fino agli anni Cinquanta del secolo scorso. Tra queste, particolarmente significative le immagini relative agli scavi per la Transiberiana del 1898, ai lavori per il Beacon Hill Tunnel a Hong Kong del 1908, per la metropolitana di Roma del 1938 e per l’impianto idroelettrico di Fundres in Alto Adige del 1951.

«Art’igiani», volge al termine la rassegna di CNA Treviso con cui l’arte entra in azienda
In un periodo in cui i luoghi della cultura sono inaccessibili a causa della pandemia, lo spettacolo dal vivo entra nelle aziende del trevigiano. Termina infatti il 16 aprile “Art’igiani”, il programma di iniziative promosso da CNA Treviso in collaborazione con Teatro del Pane e l’ass. Torre Disegnata: 10 performance artistiche (teatro, danza, musica, canto ecc.) ospitate da altrettante aziende del territorio, attive in diversi settori, anche per raccontare cultura e responsabilità sociale delle imprese coinvolte. Al progetto hanno partecipato 28 artisti, più le maestranze (operatori video, luci ecc.), e 12 imprese locali, per la realizzazione di 10 spettacoli trasmessi online, per un totale di 26mila visualizzazioni per i primi otto appuntamenti. Gli illustratori de la Torre Disegnata hanno inoltre realizzato 10 tavole illustrate, prossimamente esposte in una mostra reale o virtuale, che gli artigiani potranno utilizzare anche a scopo commerciale e pubblicitario. Ha dichiarato Alfonso Lorenzetto, presidente di CNA territoriale di Treviso: «Le aziende sono rimaste molto soddisfatte delle performance artistiche che hanno ospitato nei propri capannoni, laboratori, studi e negozi, per loro è stato un modo inedito di comunicare il proprio brand e l’attività aziendale e, allo stesso tempo, hanno potuto dare un palcoscenico ad artisti che non si stanno esibendo da oltre un anno, di cui tutti sentiamo la mancanza. Come CNA auspichiamo che questa collaborazione continui perché porta valore ad ambedue questi mondi che, pur in modi diversi, concorrono a generare benessere, coesione sociale, bellezza».

«Rinascimento industriale», format digitale per raccontare la cultura d’impresa
Imprenditori, ricercatori e professionisti dialogano in un salotto digitale dedicato alla cultura d’impresa, nato dall’idea di Valentina Barbieri, ricercatrice e archivista della fotografia, e Luca Borghini, consulente corporate heritage e valorizzazione patrimonio storico-architettonico. Gli appuntamenti, il cui programma è in continuo aggiornamento, saranno visibili in diretta sulla pagina ufficiale LinkedIn dell’iniziativa il venerdì alle 18,30. «In un periodo complesso come quello che stiamo attraversando, l’eredità industriale del nostro Paese è il presente su cui gettare luce e continuare a dialogare. La storia aziendale rappresenta il valore su cui innestare una narrazione autentica per un futuro possibile. L’Italia rinasce e lo fa a partire dalle sue innumerevoli realtà imprenditoriali, piccole medie e grandi», si legge nella presentazione. Dopo l’appuntamento del 26 marzo con «Birra Peroni: l’archivio storico, l’identità aziendale e il brand heritage», il programma prevede: il 9 aprile la presentazione del volume Company Lands. La cultura industriale come valore per il territorio di Marco Montemaggi; il 16 aprile la tradizione della pizza italiana surgelata dal 1968 di Roncadin s.p.a.; il 23 aprile la scoperta del Museo della Carta di Pescia e dell’Impresa Sociale Magnani; il 7 maggio il virtuoso binomio cultura e impresa su cui si fonda la mission della Fondazione Piaggio; il 14 maggio i valori aziendali della celeberrima azienda produttrice della Liquirizia Amarelli.

«Art factor«, progetto di promozione dell’arte contemporanea del gruppo bancario BFF
«Art factor – The Pop Legacy in Post-War Italian Art» è la nuova iniziativa del gruppo bancario BBF, a partire dalla propria collezione di oltre 250 opere di arte contemporanea dal secondo dopoguerra ai primi anni 2000, esposta in modalità permanente presso la sede milanese del gruppo e gestita dalla Fondazione Farmafactoring. Il progetto prevede: la pubblicazione dell’omonimo volume da parte di Skira editore Milan Genève Paris; un sito web interamente dedicato alla collezione; una mostra itinerante in Europa, relativa a una selezione di opere della collezione, nel biennio 2021 e 2022, passando per Atene, Lisbona, Madrid, Parigi, Varsavia e Milano. Attraverso le opere di Valerio Adami, Franco Angeli, Enrico Baj, Lucio Del Pezzo, Gianfranco Pardi, Mario Schifano ed Emilio Tadini, la mostra racconta il percorso italiano verso la Pop Art. «L’arte e la cultura sono un’importante forza motrice per perseguire lo sviluppo delle aziende e della società. È stata proprio questa convinzione a spingere BFF a creare, oltre vent’anni fa, la collezione che porta il marchio del “Made in Italy”. BFF ha trasferito la collezione alla Fondazione affinché la alimentasse e la promuovesse ulteriormente, e oggi siamo onorati di partecipare a questo progetto, che offrirà una nuova e diversa prospettiva della nostra storia, attraverso il linguaggio universale dell’arte», ha dichiarato Marco Rabuffi, Presidente di Fondazione Farmafactoring. Il progetto è inoltre l’occasione per celebrare la nuova brand identity di BFF, annunciata lo scorso 4 marzo.

Firenze, al via i lavori per la «Factory» della Manifattura Tabacchi
È stato presentato lo scorso 7 aprile, con l’evento online «The factory show», il progetto di riqualificazione di una porzione dell’area Manifattura Tabacchi della città di Firenze, ex fabbrica di sigari dismessa nel 2001 che, dal 2018, propone un programma di attività temporanee che ha visto la partecipazione di oltre 260.000 visitatori, ed è sede di attività di prestigiose istituzioni quali l’Accademia di Belle Arti di Firenze, l’Istituto dei Mestieri d’Eccellenza LVMH (IME), Polimoda e di numerosi makers. Reso possibile grazie a una joint venture tra il Gruppo Cassa depositi e prestiti, attraverso la sua controllata Cdp Immobiliare, e il Gruppo Aermont, fondo indipendente di gestione degli investimenti, specializzato nelle attività immobiliari e correlate, il progetto intende attivare, entro il 2022, una Factory negli edifici 4, 5 e 11 dell’area, quale polo creativo e produttivo attrattivo per professionisti e creativi dei settori cultura, moda, arte e artigianato, ed entro il 2026 provvedere al completo recupero di altri edifici. La Factory ospiterà spazi direzionali e di coworking, un luogo dedicato alla produzione, ricerca e sperimentazione per le arti contemporanee, negozi, atelier, laboratori e officine, un giardino pensile, un passaggio ciclopedonale. Partecipa al progetto anche Polimoda, che dal gennaio 2020 qui ha istituito la sua terza sede cittadina, con oltre 800 studenti internazionali.

Intesa San Paolo on air, raccolta di podcast per un cantiere di immaginazione sociale
Intesa Sanpaolo on air, recente iniziativa del noto gruppo bancario impegnato in prima linea in ambito culturale, si pone quale «raccolta di voci, storie, idee su futuro, sostenibilità, inclusione, ma anche un luogo di ascolto privilegiato del panorama culturale». Attraverso numerosi podcast, disponibili nella sezione dedicata del sito web e sulle piattaforme Spotify, Google Podcast e Apple Podcast, si propongono approfondimenti, dibattiti, letture a cura di esperti, giornalisti, intellettuali artisti e altri protagonisti del mondo sociale ed economico. Al momento i contenuti disponibili spaziano dall’arte all’innovazione, dall’economia al sociale, dall’inclusione allo sport: «Scenari 2021. Prospettive sul presente»; «Bancario a chi?»; «Immaginare il futuro»; «Alessandro Barbero. La storia, le storie»; «Come un Romanzo. Vite d'autore»; «C’ero una volta… Racconti e ricordi di Ottavio Fabbri letti dall'autore»; «G. Greison. Le magnifiche della scienza»; «Guida per figli navigati»; «Impresa, sostantivo femminile»; «L’Italia nascosta»; «Ambiente e crescita»; «Pensieri da Bookcity»; «Il tempo del coraggio»; «Succede alle Gallerie d’Italia»; «Mauro Berruto. Storie di Sognatori»; «L’orchestra e i suoi protagonisti»; «Il Sistema Cinema»; «Piccolo Teatro. Su il sipario»; «Alfabeto del futuro»; «Un’asta per rinascere»; «Per l'Italia. Intervista allo chef Sacco»; «Il piacere di leggere»; «Fabio Tavelli. Leggende dello sport»; «Per l’Italia. Intervista a Stefania Moroni»; «I Luoghi del Cuore»; «Una traccia da seguire»; «Per l'Italia. Intervista a Cinzia Sasso»; «Tutto il calcio provincia per provincia»; «Prima la Musica»; «Le storie del premio Campiello»; «Per l'Italia. Intervista a Gregorio De Felice»; «Dentro l’Archivio. Le donne in banca»; «Le voci della Milanesiana»; «Israele. La Startup Nation»; «Piazza di Siena. Arte, sport, natura»; «Storie di figurine»; «Per l'Italia. Intervista a Luca Mezzomo»; «La Classica Domanda»; «Per l’Italia. Intervista a Stefania Trenti»; «Va Pensiero. Parole e futuro».

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Maria Elena Santagati
Altri articoli in IMPRESE