Da santuario a campo di grano

Emmanuele Bo |  | Aosta

A quasi cinquant’anni dal suo ritrovamento si concluderanno i lavori del Parco e Museo Archeologico di Saint-Martin-de-Corléans nella periferia occidentale di Aosta

Il 24 giugno verrà inaugurata l’area megalitica, i cui primi reperti furono scoperti, quasi per caso, nel 1969 durante la costruzione di un complesso edilizio. In breve tempo venne alla luce un vasto giacimento preistorico che attirò l’interesse degli studiosi: la Regione autonoma Valle D’Aosta acquistò l’area e promosse una serie di campagne di scavo per oltre vent’anni, con l’obiettivo di conservare in loco i monumenti e reperti ritrovati. Nel 2007 si è aperto il cantiere che ha portato nel corso degli anni, fino ai primi mesi del 2016, alla costruzione del Parco Archeologico (quasi 10mila mq) e del suo museo: entrambi racchiusi sotto un unico edificio, in quanto l’area megalitica è stata rinvenuta circa sei metri sotto il livello stradale,
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Emmanuele Bo