Da opificio a resort

 |  | Bagno a Ripoli (Fi)

Dai nostri inviati speciali, i lettori

Sulle rive dell’Arno, nel XV secolo vennero ideate, si dice su progetto di Leonardo da Vinci, e costruite le Gualchiere, ossia alcuni macchinari per la follatura della lana, che producevano un prezioso materiale di commercio (Firenze eccelleva per la qualità e bellezza) nella società preindustriale. Furono collocate in un edificio preesistente, decorato da splendide torri. Secoli dopo, le Gualchiere ci sono ancora, ma da decenni sono state abbandonate in un grave stato di degrado che ne minaccia la struttura. Dal 1998 l’Unesco e altri enti ne hanno vagheggiato la riqualificazione con diversi progetti, come «L’Opificio dei Saperi», in cui i macchinari avrebbero dovuto essere nuovamente funzionanti per mostrare gli antichi e perduti metodi di lavorazione dei tessuti. Castelli in aria mai arrivati a compimento finché il Comune di Firenze ha preso in mano la
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli in LETTERE