Capriccio e natura si incontrano a Macerata

Gaspare Gasparrini, «Madonna col Bambino e sant’Antonio»
Stefano Miliani |  | Macerata

Macerata. A fine Cinquecento i venti che portavano molti pittori dalla «Maniera» verso sponde più naturalistiche soffiavano anche a Macerata. È una traccia della mostra «Capriccio e natura: arte nelle Marche del secondo Cinquecento. Percorsi di rinascita», allestita dal 7 dicembre al 13 maggio nei Musei Civici di Palazzo Buonaccorsi e a cura di Anna Maria Ambrosini Massari, docente di Storia dell’Arte Moderna all’Università di Urbino, e di Alessandro Delpriori, il sindaco-storico dell’arte di Matelica. I curatori intendono rendere onore a opere colpite o lambite dal terremoto, magari restaurate, con una rassegna, scrive la studiosa, che «non sia un evento ma un argomento» che spinga a far rientrare dipinti e sculture nelle loro sedi spesso inagibili. Infatti il catalogo documenta anche cicli decorativi in luoghi chiusi per il sisma. Il fulcro, osserva la storica dell’arte, si trova nella
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Miliani