Antropologia vulcanica

Francesca Romana Morelli |  | Roma

Elena Mazzi (1984), reduce dalla XVI Quadriennale di Roma, fino al 17 marzo espone da Ex Elettrofonica in una personale intitolata «Notes on Complexity» che indaga il concetto di frattura lavorando sul mutevole paesaggio dell’Etna, metafora dell’ambiente del vissuto dell’uomo: «Ho messo in relazione immagini preesistenti, acquisite mediante un sistema per la creazione e gestione delle informazioni geografiche, con immagini in movimento, al fine di catturare e comparare il cambiamento dell’ambiente etneo, spiega l’autrice.

L’approccio al mio lavoro include una sorta di analisi antropologica». Questo lavoro è parte del progetto «A Fragmented World», ispirato a uno studio del fisico Bruno Giorgini (nel passato legato al gruppo politico Lotta Continua). Sono mostrate sei fotoincisioni, che lasciano intravvedere particolari del terreno e campiture dei materiali nei diversi strati geologici. Un
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Francesca Romana Morelli