Antoniazzo solenne, popolare e moderno

Arianna Antoniutti |  | Montefalco (Pg)

Antonio Aquili (1430 ca-1508), noto come Antoniazzo Romano, fu uno dei pittori maggiormente attivi nella Roma di fine ’400. A capo di una fiorente bottega, elaborò un linguaggio in grado di conciliare il gusto arcaizzante del primo Rinascimento romano con le più aggiornate tendenze pittoriche di artefici come Beato Angelico, Melozzo e Piero della Francesca. Dal 10 dicembre al 7 maggio, il Complesso Museale di San Francesco a Montefalco ospita la mostra «Antoniazzo Romano e Montefalco» che, con la cura di Antonio Paolucci, pone a confronto due opere esemplificative di tale mediazione tra la solennità del fondo oro e la modernità dell’impianto.

La tavola «San Vincenzo da Saragozza, santa Illuminata, san Nicola da Tolentino», custodita nel complesso di Montefalco, venne dipinta intorno al 1488 per Santa Maria del Popolo a Roma. In seguito al trasferimento nella chiesa di Sant’Illuminata a
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Arianna Antoniutti