CONTINENTE ITALIA 970 x 90 Nuova testata GDA

Mostre

Al MaXXI gli anni ’60 di Maria Lai

Oltre 250 lavori dell'artista sarda. Parallelamente, un'antologica dall'Ivam di Valencia

«Senza titolo», 1991, di Maria Lai. M77 Gallery, Milano. Courtesy M77 Gallery e Archivio Maria Lai. Photo credit Lorenzo Palmieri

Roma. Maurizio Nannucci, Piero Gilardi e ora Maria Lai. Un filo lega queste monografiche su figure non scontate organizzate dal MaXXI restituendo loro la giusta posizione in una storia dell’arte italiana recente fatta in modo troppo limitato.

In occasione del centenario della nascita dell’artista sarda, la mostra «Maria Lai. Tenendo per mano il sole» (catalogo 5 Continents), a cura di Bartolomeo Pietromarchi e Luigia Lonardelli, dal 19 giugno al 12 gennaio, la fa rivivere non soltanto dal punto di vista delle opere, oltre 250, ma soprattutto per ciò che ha rappresentato per l’arte, in particolare per le azioni di arte pubblica, per gli interventi negli spazi urbani e per l’aspetto pedagogico e didattico del suo lavoro che ne fanno una figura molto anticipatrice di quegli anni.

Da qui la scelta di parlare solo del secondo periodo, ovvero della sua produzione che dai primi anni Sessanta arriva fino alla morte, avvenuta nel 2013. Perché fino agli anni Cinquanta il suo approccio all’arte è abbastanza tradizionale, poi per tutto il decennio seguente crea opere ma non espone, ricominciando a partecipare alle mostre solo a partire dal 1971.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Federico Castelli Gattinara, da Il Giornale dell'Arte numero 398, giugno 2019

©RIPRODUZIONE RISERVATA


GDA412 Bertozzi & Casoni

GDA412

GDA412 Vernissage

GDA412 GDECONOMIA

GDA412 GDMOSTRE

GDA142 Vedere in Canton Ticino

GDA412 Vedere a Torino

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012