Afro aveva un fan forlivese

Stefano Luppi |  | Forlì

La mostra «Afro. Pensieri nella mano», curata da Cristina Ambrosini e allestita dall’11 ottobre al 10 gennaio ai Musei San Domenico, ha uno stretto legame con la collezione Verzocchi esposta in permanenza nel vicino Palazzo Romagnoli.

Il dipinto «Tenaglia e camera oscura» del 1949, appartenente proprio a quella collezione e fondamentale punto di passaggio tra la fase figurativa e astratta di Afro Libio Basaldella (Udine 1912 - Zurigo 1976), è infatti il fulcro intorno al quale ruotano le cinque sezioni in cui la produzione dell’artista friulano è illustrata attraverso dipinti, grafica, arazzi, gioielli, fotografie e videointerviste.

Il percorso inizia con opere degli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta, in particolare lavori grafici cui si aggiungono gli otto grandi arazzi prodotti negli anni Settanta, oltre a gioielli ideati nei due decenni precedenti. A conclusione è presente anche il manoscritto di una
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Luppi