Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Gallerie

Acevedo, Williams, Wowsugi: storie americane

Tre artiste statunitensi sviluppano da Sala 1 i temi dell'identità culturale e dell'integrazione

Da sinistra a destra: poesia parlata di Afro-Latina e Hair, video, di Elizabeth Acevedo; «Thank You for Teaching Me English», installazione fotografia, 2013, di Naoko Wowsugi; e «Lingering Survival of the Unit», animazione stop motion, 2018, di Stephanie Williams, nell'allestimento della mostra alla galleria Sala 1 di Roma

In un tempo in cui anche gli Stati Uniti innalzano muri, rimettendo al centro del dibattito nazionale e internazionale i principi basilari di antirazzismo e integrazione, una mostra come quella organizzata da Sala 1 (lo storico spazio espositivo romano a un passo dalla Scala Santa e diretto da Mary Angela Schroth e Ottaviano D’Egidio) ha il sapore della necessità.

«Storie americane: Stephanie Williams, Naoko Wowsugi, Elizabeth Acevedo» è il titolo dell’esposizione aperta dal 20 marzo al 15 aprile, con l’intento di raccontare le storie di tre artiste residenti a Washington, differenti per origini e formazione ma accomunate dall’attenzione ai temi dell’identità culturale e dell’integrazione negli Stati Uniti d’America.

La curatrice Allison Nance, direttrice del programma International Arts & Artists (IA&A) dell’Hillyer Art Space di Washington, ha strutturato la mostra come una sorta di narrazione a tre voci.

Stephanie Williams presenta l’installazione video «Lingering Survival of the Unfit», un’animazione in stop-motion che trae origine da una ricerca nata dalla necessità di indagare la storia della sua famiglia e delle sue origini filippine.

Naoko Wowsugi è una coreana nata e cresciuta in Giappone ed è arrivata negli Stati Uniti nel 2001 senza conoscere nemmeno una parola di inglese; nel suo lavoro fotografico «Thank You for Teaching Me English» immortala tutte le persone che le hanno insegnato almeno una parola della sua nuova lingua.

Infine Elizabeth Acevedo è una scrittrice, figlia di immigrati domenicani, che ha raggiunto la notorietà in America per il suo pluripremiato romanzo The Poet X: l’autrice riporta in alcuni video la lettura di due sue poesie Afro-Latina e Capelli.

Silvano Manganaro, da Il Giornale dell'Arte numero 395, marzo 2019


Ricerca


GDA novembre 2019

Vernissage novembre 2019

Il Giornale delle Mostre online novembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Torino 2019

Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012