A Palazzo Fondi il caos di Frida

Un percorso tra reale e virtuale nella vita dell’artista messicana, con uno sguardo alla dimensione sia pubblica sia privata

Riproduzione digitale della camera da letto di Frida a Casa Azul
Olga Scotto di Vettimo |  | Napoli

Dipinti originali, riproduzioni digitali di autoritratti, di murales e di ambienti della camera da letto, dello studio e del giardino della Casa Azul, insieme a lettere, diari, fotografie, francobolli, installazioni, video, in una mescolanza tra moderne tecnologie (anche immersive) e testimonianze originali, articolano la mostra «Frida Kahlo. Il Caos Dentro» a Palazzo Fondi (fino al 9 gennaio), organizzata da Navigare e curata da Milagros Ancheita, Antonio Arévalo, Alejandra Matiz, Maria Rosso.

Con uno sguardo alla dimensione sia pubblica sia privata dell’artista, l’esposizione, che giunge a Napoli dopo le tappe di Roma e Milano, propone un percorso tra reale e virtuale nella vita di Frida.

In mostra il dipinto «Piden aeroplanos y les dan alas de petate» (Chiedono aeroplani e gli danno ali di paglia, 1938), attribuito all’artista ed esposto per la prima volta in Italia; 15 riproduzioni di celebri autoritratti realizzati tra il 1926 e il 1949; sei litografie acquerellate e proiezioni a grandezza naturale dei murales di Diego Rivera (tra cui «Detroit Industry Murals», il «Pan American Unity» di San Francisco e «Sueño de una tarde dominical en la Alameda Central» di Città del Messico); un centinaio di fotografie della fine degli anni Quaranta con cui il fotografo colombiano Leo Matiz ritrae Frida immersa nella sua quotidianità.

Tra gli omaggi all’artista messicana anche 41 francobolli, datati tra il 2001 e il 2017, selezionati tra le numerose emissioni filateliche a lei dedicate. L’esperienza si completa con la proiezione video multisensoriale nella sala cinema 10D del film di animazione tridimensionale «Frida Kahlo. Il Viaggio» (DNArt TheMovie, 2020), realizzato per la mostra.

© Riproduzione riservata
Calendario Mostre
Altri articoli di Olga Scotto di Vettimo