Sandro Gorra, «La giraffa nuda», 2018

Image

Sandro Gorra, «La giraffa nuda», 2018

Uno sguardo che inventa mondi

Una quarantina di opere di Sandro Gorra in vari luoghi di Pietrasanta, tra lavori pittorici, illustrazioni e sculture sia monumentali che di piccola e media dimensione

Dal 6 marzo al 5 giugno Sandro Gorra, artista e art director, si snoda in vari luoghi della città, da Piazza del Duomo al Centro Storico, alla Chiesa e Chiostro di Sant’Agostino, per arrivare alla galleria Laura Tartarelli, e poi giungere a Piazza Leonetto Amadei antistante al Pontile di Marina di Pietrasanta.

«Sandro Gorra. L’arte dell’attimo» (catalogo Sagep), a cura di Gianluca Marziani, co-organizzata dal Comune in collaborazione con la galleria Laura Tartarelli Contemporary Art, (e grazie al sostegno di Monini S.p.A., Attilio Bindi ed Henraux S.p.A), è un racconto dell’umanità nei suoi diversi aspetti, reso con acuta ironia (memore del background pubblicitario di Gorra) ed effetti tragicomici, che sondano e evidenziano le ansie di tutti noi, le aspirazioni, l’ambizione di successo, la paura di perderlo…

42 opere tra lavori pittorici, illustrazioni e sculture sia monumentali che di piccola e media dimensione, di cui 26 inediti realizzati per quest’occasione, oltre a più di 120 disegni e studi preparatori, bozzetti e lettering concept, danno vita a un percorso dall’andamento apparentemente disarticolato, ma che ha invece una sua coerenza, dove le opere sono «come pezzi di stoffa di un grande patchwork che prende per il bavero gli attimi», per usare le parole dell’artista.

Il titolo allude, spiega Marziani, alla «sublime condizione dell’atto creativo [...] quella pratica del fare arte nel singolo attimo, un istante denso che non finalizza un prodotto ma privilegia un interrogativo, uno spazio di coscienza, una geografia veggente dello sguardo che inventa mondi».

Sandro Gorra, «La giraffa nuda», 2018

Laura Lombardi, 05 marzo 2022 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

Il cantiere ha riguardato l’intero tempietto della basilica della Santissima Annunziata a Firenze per un intervento complesso e delicato

Un viaggio suddiviso per tappe cittadine: da Roma, vero centro propulsore, a Milano, Torino, Pistoia e Palermo

Ad una delle figure più influenti dell’attuale panorama artistico internazionale è dedicato il percorso che comprende un’ampia selezione di opere, tra le quali, spiccano quelle realizzate con centinaia di «lego»

A giugno la storica dell’arte lascia la direzione della Galleria dell’Accademia di Firenze, dopo essere stata al centro delle polemiche per la sua frase sulla città «meretrice»: «Ho sempre puntato sulla qualità della fruizione, non sulla quantità degli ingressi. Ma siamo comunque sicuramente il museo con più visitatori al metro quadro», spiega

Uno sguardo che inventa mondi | Laura Lombardi

Uno sguardo che inventa mondi | Laura Lombardi