«Susanna e i vecchioni» (1622-23 ca), di Antoon van Dyck (particolare). Monaco di Baviera, Bayerische Staatsgemäldesammlungen-Alte Pinakothek. Cortesia Wallraf-Richartz-Museum & Fondation Corboud, Colonia, 2022

Image

«Susanna e i vecchioni» (1622-23 ca), di Antoon van Dyck (particolare). Monaco di Baviera, Bayerische Staatsgemäldesammlungen-Alte Pinakothek. Cortesia Wallraf-Richartz-Museum & Fondation Corboud, Colonia, 2022

Susanna, eroina biblica simbolo della violenza di genere

Oltre 90 opere in mostra al Wallraf-Richartz-Museum, da Artemisia Gentileschi a Zoe Leonard

Certo la sottomissione della donna e la mercificazione del suo corpo sono capisaldi di un modo di pensare malato, difficile da abbattere, trasversale alle diverse culture e latitudini: dalla colpa di Eva ai roghi di streghe, dalle lotte femministe e fino al più recente #MeToo il mondo patriarcale concede infastidito alle donne di compiere passi di formica laddove non si risolva a ridurle al silenzio di un burqa o di una pellicola pornografica.

Mostre come questa che il Wallraf-Richartz-Museum dedica al personaggio biblico di Susanna e al racconto attraverso i secoli della sua vicenda sono una boccata d’aria: «Susanna: immagini di donna dal Medioevo al #MeToo», dal 28 ottobre al 6 febbraio, è la prima a trattarne il tema nonostante sia stato, per puro voyeurismo, uno dei prediletti dalla pittura di tutti i tempi.

Con oltre 90 opere in prestito da importanti musei come il British e la National Gallery di Londra, il Musée d’Orsay di Parigi, lo Städel di Francoforte e gli Uffizi di Firenze, la rassegna ripercorre il tema dell’eroina biblica attraverso decenni di storia dell’arte con capolavori di Artemisia Gentileschi, Antoon van Dyck, Delacroix, Manet e Lovis Corinth, fino ad arrivare a Katheleen Gilje e Zoe Leonard, mostrando in modo impressionante come l’abuso di potere e la violenza sessuata subiti da Susanna siano stati costanti nelle arti, così come nella società, per secoli.

«Susanna e i vecchioni» (1622-23 ca), di Antoon van Dyck (particolare). Monaco di Baviera, Bayerische Staatsgemäldesammlungen-Alte Pinakothek. Cortesia Wallraf-Richartz-Museum & Fondation Corboud, Colonia, 2022

Francesca Petretto, 27 ottobre 2022 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nella Schirn Kunsthalle una personale dell’artista bosniaca che si batte per l’autoemancipazione collettiva delle donne oppresse

All’Hamburger Kunsthalle 120 opere del poeta e artista inglese in prestito dal Fitzwilliam Museum di Cambridge

Oltre 250 opere per «The Velvet Rage», il libro che descrive che cosa significa essere omosessuali in un mondo etero

La prima personale in Germania del fotografo afroamericano tra fotografia e videoarte all’Amerika Haus di Berlino

Susanna, eroina biblica simbolo della violenza di genere | Francesca Petretto

Susanna, eroina biblica simbolo della violenza di genere | Francesca Petretto