Una copertina di Josef Albers del 1960

Image

Una copertina di Josef Albers del 1960

Suono, immagine e immaginazione

A Villa Lontana una rara selezione di copertine d’artista per dischi

Fino al 30 aprile la mostra «Images for sounds» presenta, a Villa Lontana, una rara selezione di copertine d’artista per dischi. Lo studio del rapporto tra l’immagine e il suono è alla base dell’idea curatoriale di Vittoria Bonifati, che si è avvalsa, per l’occasione, anche di parte della collezione di copertine storiche del musicologo e critico d’arte Giuseppe Garrera.  

Sue sono, per esempio, le copertine in mostra di Munari per La Ricordi e per La Voce del Padrone, quelle di Ghirri per la RCA Seal Gold, di Pistoletto (una superficie a specchio) per il jazzista Enrico Rava, di Paolini per Giorgio Gaslini, di Twombly per il canto dell’amico Lucio Amelio, e ancora Schifano, Irma Blank, Sol LeWitt, Edith Schloss. Il riferimento storico-espositivo è la mostra «The record as artwork. From futurism to conceptual art» che nel 1977 presentava, al Fort Worth Art Museum in Texas, la collezione di dischi d’artista di Germano Celant. Ma il rapporto tra suono, immagine e immaginazione fu scandagliato con sottigliezza per primo da Marcel Proust, secondo cui la musica, stimolatrice di figure mentali, era da assaporare anche con la vista.

Ecco perché l’arte della copertina non è solo rivestimento decorativo e funzionale. Lo si può appurare con le copertine in mostra, realizzate dagli anni ’50 ad oggi, di Albers, Clemente, Fato, Fischer, Haring, Kelley, Kruger, Mussio, Ontani, Sherman, Tillmans, Vascellari, Veronesi, e di molti altri. La mostra comprende anche un omaggio a Sylvano Bussotti, morto l’anno scorso. Egli, oltre ad essere stato compositore d’avanguardia, fu anche pittore. Villa Lontana ospita così anche una sezione dedicata alle estrose copertine realizzate per le proprie partiture. Colonna sonora della mostra sarà la musica stessa che le copertine adornano, per la creazione di un ambiente unico in cui svolgere la relazione di due arti sorelle.

Una copertina di Josef Albers del 1960

Guglielmo Gigliotti, 30 marzo 2022 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Da Mucciaccia Gallery Project un allestimento in cui emancipazione fa rima con provocazione

Una sessantina tra dipinti, sculture, incisioni, fotografie, manoscritti, documenti inediti e cimeli illustrano il contesto storico e artistico del Risorgimento

Concessi in comodato d'uso, conservano i materiali di Carla Lonzi e di Anton Giulio Bragaglia. Restaurati e digitalizzati a spese dello Stato, saranno restituiti agli eredi

In mostra gli scavi promossi a Roma dall’Istituto francese che quest’anno celebra i 150 anni della sua fondazione

Suono, immagine e immaginazione | Guglielmo Gigliotti

Suono, immagine e immaginazione | Guglielmo Gigliotti