Image

Segni per sogni

È un verso di Alba Merini sul potere germinativo dell’amore, che dal nulla di un vaso vuoto fa crescere e sbocciare fiori, quasi un gesto eroico, a dare il titolo alla mostra «Segni per far fiorire i vasi», aperta sino al 30 luglio al Centro Espositivo di Villa Pacchiani.

La rassegna, a cura di Ilaria Mariotti, raccoglie i lavori di due artiste, Elena El Asmar e Concetta Modica, i cui percorsi pur diversi hanno punti di significativa sintonia. Elena El Asmar (Firenze, 1978) lavora sul «fare a memoria» e i suoi centrini all’uncinetto, utilizzati come matrici, sfocati poi nella riproduzione meccanica della fotocopia, trasformati, ingigantiti e inchiostrati, divengono simili a paesaggi, perdendo la consistenza dell’oggetto e traducendosi in segno e sequenza.

Anche Concetta Modica (1963) parte dagli oggetti, da materiali che ormai hanno esaurito la loro funzione ma che riacquistano nuova vita, da soli o riassemblati tra loro, migrando dal mondo delle cose al mondo del pensiero, come avviene a una coperta all’uncinetto che diventa mappa dell’universo, a raspi di uva che si trasformano in sculture, a monete antiche o a frammenti di gessi, metafore della storia del mondo.

Laura Lombardi, 03 luglio 2017 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

A Firenze, nel Museo del Novecento e nel Museo degli Innocenti, sculture, installazioni e disegni dell’artista francese

Intanto nel museo di arti decorative riaprono due sale con un nuovo allestimento, rispettivamente dedicate all’arte islamica e alle maioliche

La 31ma edizione della manifestazione che riflette in chiave contemporanea sulla produzione secolare della manifattura toscana

La tavola, dipinta per l’altare del capolavoro di Michelozzo annesso alla Santissima Annunziata e oggi conservata alla National Gallery di Londra, è stata riprodotta su carta-cotone. Architettura e arredi dell’Oratorio sono stati oggetto di un restauro complessivo sostenuto dalla Famiglia Pucci e dai Friends of Florence

Segni per sogni | Laura Lombardi

Segni per sogni | Laura Lombardi