«O Ovo» (1967) di Lygia Pape © Projecto Lygia Pape

Image

«O Ovo» (1967) di Lygia Pape © Projecto Lygia Pape

Lygia Pape concretamente brasiliana

Per la prima volta nella sua storia espositiva la Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen di Düsseldorf indaga la produzione di un’artista del Brasile

Con la mostra «Lygia Pape. La pelle di tutti» la Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen, per la prima volta nella sua storia espositiva, indaga la produzione di un’artista brasiliana e le dedica fino al 17 luglio una monografica. Quello tra l’istituzione tedesca e il Paese sudamericano in realtà è un rapporto di lunga data: è almeno dal 1960 infatti che il Museo della città renana intrattiene legami artistico-politici in nome della pace col Brasile, dalla seconda guerra mondiale terra di approdo di molti esuli tedeschi, soprattutto intellettuali e artisti, e ai tempi prossimo al baratro della dittatura militare (1964-85).

Lygia Pape (1927-2004) entra a far parte della collezione della Kunstsammlung solo nel 2020 grazie all’acquisto del quadro «Pintura» (1953) ed è da allora che i curatori di Düsseldorf si sono dedicati al suo studio e al confronto con la pittura e la scultura dei suoi contemporanei europei e nordamericani da tempo ospiti della collezione di casa.

La scultrice, incisora e regista di Nova Friburgo è stata figura chiave del movimento dell’Arte concreta e fondatrice del Neoconcretismo brasiliano. La mostra nei locali K20 comprende dipinti astratto-geometrici, disegni, rilievi, xilografie uniche, due composizioni di balletto, poesie e anche film, esperimenti plurisensoriali, performance collettive e installazioni spaziali immersive.

«O Ovo» (1967) di Lygia Pape © Projecto Lygia Pape

Francesca Petretto, 06 giugno 2022 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

All’Hamburger Kunsthalle 120 opere del poeta e artista inglese in prestito dal Fitzwilliam Museum di Cambridge

Oltre 250 opere per «The Velvet Rage», il libro che descrive che cosa significa essere omosessuali in un mondo etero

La prima personale in Germania del fotografo afroamericano tra fotografia e videoarte all’Amerika Haus di Berlino

Installazioni, fotografie e neon dell’artista israeliana, protagonista del Padiglione tedesco alla Biennale di Venezia, in mostra a Brema

Lygia Pape concretamente brasiliana | Francesca Petretto

Lygia Pape concretamente brasiliana | Francesca Petretto