László Moholy-Nagy, «Spirali», 1943, stampa in gelatina d’argento su carta. Debrecen, Collezione Antal-Lusztig

Image

László Moholy-Nagy, «Spirali», 1943, stampa in gelatina d’argento su carta. Debrecen, Collezione Antal-Lusztig

Lo sguardo rivoluzionario di Moholy-Nagy

Alla Gam di Roma uno dei più lucidi innovatori dell’arte del XX secolo e le avanguardie ungheresi

Dal 28 novembre al 15 marzo la Galleria d’arte moderna di Roma ospita una selezione di opere di uno dei più lucidi innovatori dell’arte del XX secolo, nella mostra «Moholy-Nagy e la rivoluzione della visione. Avanguardie ungheresi fra espressionismo e Bauhaus».

Il titolo della mostra, curata da Katalin Nagy T., allude a uno dei principi base, teorizzati nel suo libro del 1928 The new vision, del pittore, scultore, fotografo, cineasta, designer e docente della Bauhaus (nato in Ungheria nel 1895 e morto negli Usa nel 1946), ovvero che la modernità implicava una trasformazione profonda del ruolo e delle funzioni dell’artista. In mostra, dipinti, fotografie, sculture, lavori di design grafico, tipografico ed editoriale, realizzati tra il 1923 e il 1945, descrivono la natura del nuovo artista poliedrico, che si poneva nel punto di intersezione tra tutti i linguaggi.

I dipinti rivelano la matrice astratta e costruttivista desunta da Malevič e da El Lissitzky, fotomontaggi e grafica pubblicitaria mirano all’essenziale chiarezza di una comunicazione di massa di alta qualità, le sculture adottano materiali allora nuovissimi come il plexiglas, le fotografie ricercano effetti tra i più avanzati per quegli anni, fino a negare la stessa macchina fotografica nella serie dei fotogrammi, realizzati mediante impressione diretta di oggetti su carta sensibile, come nell’ironico «Autoritratto» in mostra, del 1926.

Ad ampliare lo spettro della mostra, anche opere di coevi esponenti delle avanguardie ungheresi tra anni Venti e Quaranta, tra cui l’amico Lajos Kassák, e opere di pittori ungheresi attivi a Roma nei primi decenni del secolo, facenti parte della collezione della Gam.

László Moholy-Nagy, «Spirali», 1943, stampa in gelatina d’argento su carta. Debrecen, Collezione Antal-Lusztig

Guglielmo Gigliotti, 27 novembre 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nel Museo dell’Ara Pacis maschere, sculture, vasi, rilievi, mosaici, dipinti murali e strumenti musicali raccontano autori, attori e pubblico di una delle principali istituzioni dell’antichità: una vita parallela in cui la realtà si rispecchiava

L’ironia sostenuta dall’ingegno di Filippo Lippi e le bizzarrie del figlio Filippino in mostra a Roma ai Musei Capitolini

INCHIESTA SUL FUTURISMO 8. | «È stato un fenomeno diffuso nella penisola e tanti, oggi, hanno un futurista da riscoprire. Dunque, bene il revival, purché sia scientifico e certi assunti non vengano travisati»

«Saranno visitabili anche di notte, ovunque siate», annuncia Fabio Tagliaferri, l’uomo di fiducia di Meloni nominato presidente della «geniale» società del Ministero della Cultura. «Inizieremo con il rivoluzionare la comunicazione»

Lo sguardo rivoluzionario di Moholy-Nagy | Guglielmo Gigliotti

Lo sguardo rivoluzionario di Moholy-Nagy | Guglielmo Gigliotti