«Sunrises Only Sunrises» (2019) di Chiara Dynys (particolare)

Image

«Sunrises Only Sunrises» (2019) di Chiara Dynys (particolare)

Libri e installazioni di Chiara Dynys al Mattatoio

Un percorso che culmina in un antro luminoso di sette metri, con 400 volumi in vetro bianco, in 45 sfumature diverse

Fino al 4 settembre Chiara Dynys è al Mattatoio con la mostra «Enlightening Books», curata da Giorgio Verzotti. Nei vasti ambienti della Galleria delle Vasche e del Padiglione 9b, il rapporto tra realtà e illusione è perlustrato in opere a parete e installazioni degli ultimi 15 anni.

«Sunrises Only Sunrises» è invece un grande ambiente concepito per l’occasione, in cui proiezioni su muro di stanze in sequenza sconfinano in un percorso reale di vani in successione. «Doppia stella» (2014) è costituita da coppie di opere murali in acciaio e metacrilato, perforate illusivamente da coni prospettici, al cui interno si scorge un solido platonico. Non celata è l’allusione alla falsa prospettiva del Borromini di Palazzo Spada.

In «South and South» 20 lightbox lenticolari offrono la lettura sfalsata ma sincronica di nomi di note mete turistiche con toponimi di vicini siti, dove sono avvenute recenti tragedie belliche. Due grandi parallelepipedi specchianti, su piedistallo dorato, sono trafitti da frecce, in una trascrizione sublimata del martirio di san Sebastiano, pensata per un lavoro del 2014. Cornici di metacrilato dalle delicate tinte pastello circoscrivono, in opere del 2011, immagini di vari soggetti che appaiono o svaniscono allo sguardo in base alla posizione del fruitore.

Nascondimento e svelamento sono alla base anche della grande opera ambientale che ha trasformato il Padiglione 9b in un labirinto di arazzi pendenti dal soffitto, recanti immagini dipinte di costole di libri. Un percorso che culmina in un antro luminoso di sette metri, in cui superfici riflettenti e luci calde conferiscono un senso di magia ai 400 libri in vetro bianco, in 45 sfumature diverse, disposti su scaffalature. Sono i «libri di luce» presentati dalla Dynys in numerose mostre recenti con l’intento di alludere alla dialettica tra conoscenza e oblio.

«Sunrises Only Sunrises» (2019) di Chiara Dynys (particolare)

Guglielmo Gigliotti, 12 luglio 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

L’Istituto Massimo di Roma all’Eur ha promosso il restauro del ciclo di 14 affreschi commissionato da papa Sisto V, rara testimonianza della distruzione della dimora nobiliare

Nella Galleria d’Arte Moderna riunite 130 opere di collezioni pubbliche romane e della raccolta milanese di Giuseppe Iannaccone, avvocato-collezionista animato da «una benefica ossessione per l’arte»

Nella Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea di Roma oltre cento acqueforti dell’incisore, con Morandi, più importante del ’900 italiano

Venti opere della scultrice franco-americana sono allestite accanto a Bernini, ma anche nei Giardini segreti e nell’Uccelliera

Libri e installazioni di Chiara Dynys al Mattatoio | Guglielmo Gigliotti

Libri e installazioni di Chiara Dynys al Mattatoio | Guglielmo Gigliotti