«Work in progress», uno spettacolo di soli «mobiles», realizzato da Alexander Calder per il Teatro dell'Opera di Roma nel 1968

Image

«Work in progress», uno spettacolo di soli «mobiles», realizzato da Alexander Calder per il Teatro dell'Opera di Roma nel 1968

Le leggerezze di Calder e Kentridge

Opere teatrali «sui generis» dei due artisti per il Teatro dell'Opera capitolino

Il Teatro dell’Opera mette in scena dal 10 al 15 settembre opere teatrali «sui generis» di Alexander Calder e William Kentridge. Il primo realizzò nel 1968, proprio per il Teatro dell’Opera di Roma, «Work in progress», uno spettacolo di soli «mobiles»; il secondo rispose due anni fa con «Waiting for the Sibyl», uno spettacolo a base di proiezioni, oggetti in movimento, danze e canti, finora ancora non rappresentato.

Calder mise in piedi una narrazione di sole sculture mobili in equilibrio, senza attori e senza trama, se non quella allusa dal dinamismo magico di forme che ricordano il sole, la luna, i fiori, gli uccelli e i pesci, che in meno di venti minuti rappresentano quella che Calder defini «la mia vita in 19 minuti».

L’opera di Kentridge, della durata di 35 minuti, traspone volutamente la leggerezza di Calder in fogli di carta (proiettati, ma anche reali) che volano in tutte le direzioni sospinti da venti misteriosi, sulle note del compositore sudafricano Kyle Shepperd, capaci di creare un’aura mitica che ricordi le foglie di quercia su cui la Sibilla Cumana trascriveva i suoi vaticini.

«Work in progress», uno spettacolo di soli «mobiles», realizzato da Alexander Calder per il Teatro dell'Opera di Roma nel 1968

Guglielmo Gigliotti, 09 settembre 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Dipinti, progetti architettonici, fotografie, illustrazioni, documenti d’archivio e manifesti pubblicitari nella mostra presso il Casale di Santa Maria Nova all’interno del Parco Archeologico dell’Appia Antica

Nel Museo di Roma in Trastevere una personale dell’artista romana costruita sul binomio fotografia-pittura

Nel Museo dell’Ara Pacis maschere, sculture, vasi, rilievi, mosaici, dipinti murali e strumenti musicali raccontano autori, attori e pubblico di una delle principali istituzioni dell’antichità: una vita parallela in cui la realtà si rispecchiava

L’ironia sostenuta dall’ingegno di Filippo Lippi e le bizzarrie del figlio Filippino in mostra a Roma ai Musei Capitolini

Le leggerezze di Calder e Kentridge | Guglielmo Gigliotti

Le leggerezze di Calder e Kentridge | Guglielmo Gigliotti