«Veduta del Belvedere e dei Giardini vaticani», di Hendrick III van Cleve. Bruxelles, Musées Royaux des Beaux-Arts de Belgique

Image

«Veduta del Belvedere e dei Giardini vaticani», di Hendrick III van Cleve. Bruxelles, Musées Royaux des Beaux-Arts de Belgique

La storia del Parco e del Giardino della Reggia di Caserta

Oltre 150 dipinti, disegni, sculture, erbari, libri, oggetti d’arte, assieme alle interpretazioni contemporanee di cinque artisti, ripercorrono una visione e una cultura paesaggistica dense e complesse

La mostra «Frammenti di Paradiso. Giardini nel tempo alla Reggia di Caserta» (fino al 16 ottobre) curata da Tiziana Maffei, Alberta Campitelli e Alessandro Cremona, allestita da Lucio Turchetta con Vincenzo De Luce nelle sale dell’Appartamento della Regina che si aprono sulla scenografica via d’acqua vanvitelliana, si sviluppa attorno ai temi legati alla storia del Parco e del Giardino, indagati per farne emergere i portati culturali, simbolici, immaginifici di cui sono espressione, e che trovano un corrispettivo in Italia e in Europa dal Rinascimento ai primi anni dell’800.

Il Parco Reale e il Giardino Inglese della Reggia, estesi su 123 ettari, sono infatti espressione di una visione e di una cultura paesaggistica dense e complesse.

Il primo, progettato da Luigi Vanvitelli dal 1752, rappresenta un esempio di giardino all’italiana, cadenzato da prati, aiuole, fontane e cascate alimentate dall’Acquedotto Carolino, lungo 35 km e progettato dall’architetto napoletano per dar vita ai giochi d’acqua della Reggia.

Il secondo, voluto da Maria Carolina d’Asburgo, è caratterizzato da finti e veri ruderi che si aprono tra l’apparente disordine della vegetazione e dei corsi d’acqua.

Il percorso della mostra con oltre 150 dipinti, disegni, sculture, erbari, libri, oggetti d’arte, assieme alle interpretazioni contemporanee di Maria Thereza Alves, Eugenio Tibaldi, Eugenio Giliberti, Sasha Vinci, Luca Francesconi, racconta la storia del giardino, espressione di gusti, modelli e committenze diverse.

«Veduta del Belvedere e dei Giardini vaticani», di Hendrick III van Cleve. Bruxelles, Musées Royaux des Beaux-Arts de Belgique

«Carlo III nella sua camera», di Jean Ranc. Madrid, Museo Nacional del Prado

Olga Scotto di Vettimo, 30 settembre 2022 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

Il 29 febbraio si concludono le Celebrazioni vanvitelliane. Dal primo marzo circa 3mila metri quadrati, rifunzionalizzati, ospiteranno attività educative, una sala convegni, un nuovo bookshop e un’area per le mostre temporanee

A Caserta una ventina di opere dell’artista napoletano, che «da sempre lavora a scarnificare il corpo della pittura per portarlo alla struttura terminale, lo scheletro»

Due grandi artisti americani, che hanno esaminato le strutture linguistiche dell’arte del ’900, protagonisti nella galleria partenopea

Nelle due sedi di Studio Trisorio l’artista realizza un doppio percorso espositivo in cui la precarietà affascina e la violenza non trova rimedio

La storia del Parco e del Giardino della Reggia di Caserta | Olga Scotto di Vettimo

La storia del Parco e del Giardino della Reggia di Caserta | Olga Scotto di Vettimo