Claudia Giannuli, «Silent Spring #3», 2021 (particolare)

Image

Claudia Giannuli, «Silent Spring #3», 2021 (particolare)

La primavera silenziosa di Claudia Giannuli

L'artista pugliese dialoga con la collezione permanente del MArTa richiamando le decorazioni fitomorfe dei manufatti archeologici

Il MArTA, Museo Archeologico Nazionale di Taranto, ospita «Silent Spring», personale di Claudia Giannuli, a cura di Antonello Tolve. Lungo il percorso museale le installazioni dell’artista pugliese dialogano con la collezione permanente inserendo elementi fitomorfi in teche e terrari simili ad una coltivazione in serra. Le piante protagoniste richiamano le decorazioni presenti sui manufatti del museo e narrano attraverso il mito il legame con la natura e la sessualità.

I preziosi scrigni conservano oggetti ceramici che ricompaiono anche nei video dove vengono accostati ad umanoidi simboli dell’universo femminile. Il titolo della mostra trae ispirazione dall’omonimo libro di Rachel Carson, biologa statunitense, testo fondamentale per il movimento ambientalista. La Primavera silenziosa e rinchiusa messa in scena dalla Giannuli ci rammenta i momenti della nostra attualità, di quella immobilità vissuta in spazi angusti e l’isolamento, parte da qui la sua riflessione sulla funzione corporea rispetto al mondo esterno, allo spazio naturale.

La mostra, che sarà visitabile fino al 25 luglio, fa parte della programmazione del Circuito del Contemporaneo in Puglia e del suo direttore artistico Giusy Caroppo.

Claudia Giannuli, «Silent Spring #3», 2021 (particolare)

Graziella Melania Geraci, 13 luglio 2021 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nata a Tirana, ma da anni in Italia, la pittrice Iva Lulashi sviluppa nella mostra curata da Antonio Grulli un progetto ispirato alle teorie della rivoluzionaria pensatrice femminista russa Alexandra Kollontai

Nella Regio IX del Parco Archeologico scoperti raffinati affreschi che rimandano alla guerra di Troia

Nuovi spazi con un allestimento scenografico per i reperti delle ville romane del territorio stabiese insieme a una scuola di formazione e digitalizzazione

Il curatore Mahi Binebine ha dichiarato di aver speso «diverse decine di migliaia di euro» per garantire che il progetto fosse completato entro tre mesi. Ora sta pensando di presentare lo stesso progetto altrove

La primavera silenziosa di Claudia Giannuli | Graziella Melania Geraci

La primavera silenziosa di Claudia Giannuli | Graziella Melania Geraci