«Pullover» (2023), di Raphaela Simon

Image

«Pullover» (2023), di Raphaela Simon

La notte blu di Raphaela Simon

29 oli su tela della pittrice berlinese, allieva di Förg e Doig e seguace di Oldenburg, in una personale alla Fondazione Giuliani

«Blaue Nacht» (Notte blu) è il titolo della mostra personale della pittrice tedesca Raphaela Simon aperta alla Fondazione Giuliani dall’11 maggio al 22 luglio. E notturni sul blu sono proprio i colori adottati in molti dei 29 oli su tela in mostra, realizzati nel 2022-23. Le tinte più scure sono delegate a fissare gli sfondi monocromatici, quelle più chiare, le figure elementari che vi campeggiano.

La pittrice berlinese, già allieva di Günther Förg all’Accademia di Belle Arti di Monaco e di Peter Doig all’Accademia di Belle Arti di Düsseldorf, è infatti un’artista figurativa, ma non nel senso realistico, bensì in quello pop. Claes Oldenburg è infatti un suo punto di riferimento fisso nella ricerca di immagini e oggetti del quotidiano, rappresentati con freddezza distaccata quanto sottilmente ironica.

Cappelli, pullover, scaffalature, cuscini, stampelle, panni, dadi, ma anche piatte figure umane, sono rappresentati in una tale grande scala, da suscitare un sentimento perturbante che rimanda a valori più simbolici che oggettivi. La semplicità d’immagine è quindi solo apparente.

Questo vale anche per le opere di natura astratta in mostra: elementari griglie o gabbie, che ammiccano alla storia dell’arte del ’900 (dai costruttivisti a Peter Halley), ma con un senso giocoso. La sequenza delle grandi tele distribuita nei molti ambienti della Fondazione Giuliani trova un contrappunto nelle sculture realizzate per l’occasione dall’artista: teste di stoffa o figure intere, che dialogano con lo spazio e con le opere, suggerendo l’idea di una congelata messa in scena di un teatro dei burattini. A giocare un ruolo importante nella sensibilità di Raphaela Simon sono i ricordi d’infanzia, che influenzano pure l’assetto da gigantesco balocco di molti suoi soggetti.

«Pullover» (2023), di Raphaela Simon

Guglielmo Gigliotti, 09 maggio 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

L’Istituto Massimo di Roma all’Eur ha promosso il restauro del ciclo di 14 affreschi commissionato da papa Sisto V, rara testimonianza della distruzione della dimora nobiliare

Nella Galleria d’Arte Moderna riunite 130 opere di collezioni pubbliche romane e della raccolta milanese di Giuseppe Iannaccone, avvocato-collezionista animato da «una benefica ossessione per l’arte»

Nella Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea di Roma oltre cento acqueforti dell’incisore, con Morandi, più importante del ’900 italiano

Venti opere della scultrice franco-americana sono allestite accanto a Bernini, ma anche nei Giardini segreti e nell’Uccelliera

La notte blu di Raphaela Simon | Guglielmo Gigliotti

La notte blu di Raphaela Simon | Guglielmo Gigliotti