Image

La guerra in velocigrafo: la Collezione Luxardo

La guerra in velocigrafo: la Collezione Luxardo

Prosegue fino al 7 gennaio al Castello di Udine la mostra «L’offensiva di carta. La grande guerra illustrata» (catalogo SilvanaEditoriale), curata da Giovanna Durì, Luca Giuliani e Anna Villari, con la collaborazione di Sara Codutti e Fernando Orlandi.


Il materiale esposto è stato selezionato all’interno della ricca Collezione Luxardo (patrimonio dei Musei Civici Udinesi), dal nome del medico di San Daniele del Friuli che nell’immediato primo dopoguerra, grazie a una fitta rete di scambi con altri collezionisti europei, raccolse oltre 5.600 fascicoli di riviste e monografie dell’epoca, le pubblicazioni ufficiali e gli strumenti di propaganda dei vari Governi e Comandi, ma anche, e questo rappresenta forse il materiale più originale, ciò che veniva prodotto nelle trincee con l’uso del velocigrafo (il ciclostile) da coloro che erano in prima linea.


Sulle riviste di trincea, che solo in Italia erano quasi un centinaio, si cimentarono scrittori, giornalisti e «matite» anche famose (molti gli illustratori arruolati come ufficiali o sottoufficilai) come Mario Sironi, Ardengo Soffici, Carlo Carrà e il giovane caporale Giorgio de Chirico.


La mostra si chiude con tavole originali di illustratori contemporanei (Gipi, Jacques Tardi, Manuel Fior, Joe Sacco e Hugo Pratt) dedicate alla memoria della Grande Guerra.
 

Redazione GdA, 12 maggio 2017 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Lo spazio torinese, con un allestimento studiato in situ, accoglie ritratti a china e acquerelli in cui si libra un interessante cosmo femminile

Miglior partecipazione nazionale al Padiglione Australia con il progetto dell’aborigeno Archie Moore. Miglior artista nella mostra centrale il maori Mataaho Collective. Leone d’Argento alla 39enne nigeriana Karimah Ashadu e menzioni speciali al Kosovo, alla 88enne palestinese Samia Halaby e alla 35enne argentina La Chola Poblete

La Russia, che non partecipa alla Biennale di Venezia dall'invasione dell'Ucraina del febbraio 2022, ha ceduto l'uso del suo Padiglione ai Giardini alla Bolivia. Intitolata «Guardiamo al futuro passato, camminiamo in avanti», la mostra è organizzata dal Ministero delle Culture boliviano, con il viceministro Juan Carlos Cordero Nina in qualità di commissario. La ministra Esperanza Guevara ce la presenta in anteprima

La prima multinazionale italiana del lavoro inaugura uno spazio espositivo permanente dedicato all’arte

La guerra in velocigrafo: la Collezione Luxardo | Redazione GdA

La guerra in velocigrafo: la Collezione Luxardo | Redazione GdA