Un’immagine del «Momentary Place» di Maurizio Cilli. Foto Isabella Castellano

Image

Un’immagine del «Momentary Place» di Maurizio Cilli. Foto Isabella Castellano

Il suono della memoria: la videoarte documenta la perfomance

Katerina Kabalina racconta il lavoro di Maurizio Cilli in un video girato durante l’azione performativa ambientata nei cortili di Lucento

La poetica perfomance di parole musica e banda popolare di Maurizio Cilli ambientata nei cortili di Lucento, raccontata dalla videoartista Katerina Kabalina in un bellissimo video crepuscolare e ipnotico, realizzato apposta per l’occasione.

Si tratta di un esperimento di arte performativa finalizzato alla rigenerazione urbana di un’area metropolitana in forte degrado, curato da Sergey Kantsedal per la seconda edizione di «Urrà Torino» da Associazione Kallipolis, attraverso il coinvolgimento diretto della cittadinanza.

Il titolo dell’opera di Cilli rimanda al nome stesso del quartiere Lucento: «Forme vaghe danzarono sul fango lucente», e si avvale dell’intervento della prestigiosa voce soprano di Fè Avouglan.

Un’immagine del «Momentary Place» di Maurizio Cilli. Foto Isabella Castellano

Redazione GdA, 15 novembre 2022 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nella Biblioteca Reale di Torino l’«Autoritratto» è esposto con sei disegni del Codice Atlantico che corroborano la tesi che nel celebre disegno Leonardo da Vinci abbia raffigurato sé stesso all’età di 65 anni

Lo spazio torinese, con un allestimento studiato in situ, accoglie ritratti a china e acquerelli in cui si libra un interessante cosmo femminile

Miglior partecipazione nazionale al Padiglione Australia con il progetto dell’aborigeno Archie Moore. Miglior artista nella mostra centrale il maori Mataaho Collective. Leone d’Argento alla 39enne nigeriana Karimah Ashadu e menzioni speciali al Kosovo, alla 88enne palestinese Samia Halaby e alla 35enne argentina La Chola Poblete

La Russia, che non partecipa alla Biennale di Venezia dall'invasione dell'Ucraina del febbraio 2022, ha ceduto l'uso del suo Padiglione ai Giardini alla Bolivia. Intitolata «Guardiamo al futuro passato, camminiamo in avanti», la mostra è organizzata dal Ministero delle Culture boliviano, con il viceministro Juan Carlos Cordero Nina in qualità di commissario. La ministra Esperanza Guevara ce la presenta in anteprima

Il suono della memoria: la videoarte documenta la perfomance | Redazione GdA

Il suono della memoria: la videoarte documenta la perfomance | Redazione GdA