«Tutu dress coated in salt crystals raised from the Dead Sea» (2016), di Sigalit Landau. © Sigalit Landau. Cortesia dell’artista

Image

«Tutu dress coated in salt crystals raised from the Dead Sea» (2016), di Sigalit Landau. © Sigalit Landau. Cortesia dell’artista

Il Mar Morto di Sigalit Landau brucia

Le opere degli ultimi vent’anni dell’artista israeliana illustrano il suo rapporto con quel luogo, sterile ma galleggiabile

Per Sigalit Landau (Gerusalemme, 1969), artista multidisciplinare residente a Tel Aviv, la prossimità del Mar Morto è un qualcosa che è impossibile ignorare, influenzando l’estetica della sua produzione. «The Burning Sea», la sua nuova personale aperta fino al 17 giugno nell’Israel Museum, esplora il suo rapporto con esso, presentando opere che, realizzate negli ultimi vent’anni, racchiudono tutta l’interdisciplinarietà della sua ricerca.

Riflettendo sulla conformazione del lago salato, riferimento per questo corpus di lavori, Landau traduce i paradossi della località più profonda al mondo (situata a 400 metri sotto il livello del mare) in fotografie, video e sculture. Che siano oggetti scolpiti dal sale «miracoloso» del Mar Morto, o opere audiovisive che ne enfatizzano il ruolo simbolico in quanto confine naturale tra le realtà coinvolte dal conflitto israelo-palestinese, ciascuno dei lavori esposti guarda al Vicino Oriente come teatro di drastici cambiamenti climatici e aspre tensioni sociopolitiche.

«In un paesaggio desertico dove la sterilità del Mar Morto viene unicamente compensata dalla sua galleggiabilità, Landau si rivolge al mare per trasformare il ricordo più minaccioso in un oggetto di meraviglia», scrive David Elliott, curatore britannico, nella sua introduzione a Salt Years (2019), volume che racchiude due decenni di sperimentazione dell’artista in simbiosi con il mare salato.

«Tutu dress coated in salt crystals raised from the Dead Sea» (2016), di Sigalit Landau. © Sigalit Landau. Cortesia dell’artista

Gilda Bruno, 26 gennaio 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Il linguaggio audace e versatile dell’artista vietnamita, residente ad Amburgo, ha avuto la meglio sugli altri nove finalisti della 18ma edizione del premio

Nella galleria londinese, l’artista Apsáalooke guarda alle origini del rapporto tra Europa e Nord America per denunciare espropriazione di cultura e risorse

«All About Love», prima personale itinerante incentrata sul lavoro dell’artista afro-americana, rivendica la rappresentazione della femminilità nera in un elogio alla cura, i rituali e la gioia associati a essa

Per il suo debutto alla Lisson Gallery di Londra, l’artista nigeriana avvolge il pubblico in un ambiente multisensoriale ispirato alla capacità di rigenerarsi dell’uomo e della terra

Il Mar Morto di Sigalit Landau brucia | Gilda Bruno

Il Mar Morto di Sigalit Landau brucia | Gilda Bruno