Uno still da «Red Film», 2018, di Sara Cwynar

Image

Uno still da «Red Film», 2018, di Sara Cwynar

Il desiderio secondo Sara Cwynar

In mostra al Foam opere note e nuovi lavori dell’artista canadese

Viviamo in un’epoca di immagini. Ma che cosa significa oggi, in un momento storico in cui questa condizione è stata sì interiorizzata, ma non sufficientemente approfondita? Dal 26 maggio al 24 settembre il Foam presenta la mostra «Sara Cwynar S/S 23»: l’artista canadese (Vancouver, 1985) disseziona il desiderio che proviamo verso gli oggetti, i nostri ideali di bellezza, con un focus sulla figura della consumatrice femminile.

Che cosa è reale e che cosa non lo è? Come la moderna cultura visiva plasma la percezione del mondo e di noi stessi? L’autrice attinge da enciclopedie e cataloghi, dalla rete e da saggi letterari di importanti pensatori per raccontarci la vertigine della contemporaneità, la bellezza e l’inquietudine di vivere in un mondo come il nostro.

«Certo che non riesco a dormire, c’è così tanto da guardare», dice la voce narrante di uno dei suoi video. In mostra sono esposti, insieme a opere note come «Red Film», nuovi lavori che indagano gli edifici con i quali modelliamo il nostro ambiente. Attraverso le associazioni di immagini, parole e idee che abitano le sue opere, l’osservatore può provare ad affiancare all’infatuazione visiva che tutti subiamo verso la realtà un’attitudine critica.

Ed è proprio in questa ostinata, faticosa, e forse mai definitiva, ricerca di senso che sta il fascino perturbante dell’immaginario dell’artista.

Uno still da «Red Film», 2018, di Sara Cwynar

Bianca Cavuti, 25 maggio 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Una mostra chiave per entrare nella complessità del Messico, luogo «istintivamente surrealista», nonché paese d’origine della fotografa

L’edizione di quest’anno non è strutturata intorno a un tema specifico, ma è stato chiesto agli artisti di presentare lavori che accolgano la sfida di svincolarsi da strutture socio-politiche arcaiche

A Palazzo Santa Margherita, scambio, connessione e dialogo sono i concetti alla base di un confronto intergenerazionale. Sette nuove opere entreranno a far parte della Collezione Galleria Civica del Comune di Modena

Il Rautenstrauch-Joest Museum riflette sulla nostra comprensione del passato attraverso il lavoro di Patrick Waterhouse e un gruppo di artisti Warlpiri, società aborigena dell’Australia Centrale

Il desiderio secondo Sara Cwynar | Bianca Cavuti

Il desiderio secondo Sara Cwynar | Bianca Cavuti