«Viista dalla riva destra dell'Elba sotto il ponte Augusto» (1748) di Bernardo Bellotto detto Canaletto © Gemäldegalerie Alte Meister, Staatliche Kunstsammlungen Dresden. Foto Estel/Klut

Image

«Viista dalla riva destra dell'Elba sotto il ponte Augusto» (1748) di Bernardo Bellotto detto Canaletto © Gemäldegalerie Alte Meister, Staatliche Kunstsammlungen Dresden. Foto Estel/Klut

Il Canaletto prefotografo

Bernardo Bellotto celebrato alla Gemäldegalerie di Dresda nel terzo centenario della nascita

Il pittore veneziano Bernardo Bellotto (1722-80), figlio di Lorenza Canal, la sorella del celeberrimo Antonio, noto Canaletto, adottò dietro suggerimento dello zio e per fare più agevolmente carriera, lo pseudonimo di quello. Per questo motivo, nei paesi di lingua tedesca, soprattutto in Germania, dove viaggiò e visse a lungo, prima pittore alla corte sassone di Dresda, poi a Vienna, su invito dell’imperatrice Maria Teresa, di seguito a Monaco di Baviera e di nuovo a Dresda, e infine a Varsavia, dove morì, è noto come «Bernardo Bellotto, detto anche Canaletto».

Proprio a Dresda, invitato dal principe elettore di Sassonia Augusto III, ottenne subito fama e successo come autore di pitture vedutistiche. Ed è perciò proprio l’elegante città sassone a dedicargli oggi, per il suo 300esimo compleanno, la retrospettiva «Magia del reale: Bernardo Bellotto alla Corte Sassone», alla Gemäldegalerie dal 21 maggio al 28 agosto.

Dei molti luoghi che visitò e in cui visse lasciò una indelebile traccia nelle sue tele che rispetto a quelle del più noto, primo Canaletto si distinguono per maggiore accuratezza nella resa dei particolari architettonici ed atmosferici, una più esatta e dinamica resa chiaroscurale di cielo e acqua e infine, dal suo secondo soggiorno in Sassonia in poi, per un verismo descrittivo che ne avvicina la perfetta resa pittorica alla fedeltà del mezzo fotografico.

Oggi è considerato uno dei più importanti pittori di vedute di città e paesaggi del XVIII secolo. La mostra di Dresda mira a presentarne la più grande collezione al mondo di dipinti, custodita nelle sue collezioni, e a illustrarne le diverse fasi creative attraverso prestiti da importanti istituzioni internazionali che lo vedono oltre che pittore anche incisore. Libri, porcellane, sculture e strumenti scientifici d’epoca completano l’allestimento al fine di ricreare l’immagine di un’età gloriosa che Bellotto contribuì a plasmare artisticamente.

«Viista dalla riva destra dell'Elba sotto il ponte Augusto» (1748) di Bernardo Bellotto detto Canaletto © Gemäldegalerie Alte Meister, Staatliche Kunstsammlungen Dresden. Foto Estel/Klut

Francesca Petretto, 20 maggio 2022 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

60 dipinti e 50 disegni allestiti alla Alte Nationalgalerie per la più importante mostra nell’anniversario della nascita del massimo pittore romantico tedesco

Le nuove generazioni di fotografi originari del centro America puntano l’obiettivo sul «qui ed ora»

Fotografia e video per raccontare il movimento che indaga le connessioni esistenti tra il sessismo, la discriminazione degli animali e l’abuso delle risorse naturali

L’artista statunitense fu la prima a unire arte e attivismo ecologico

Il Canaletto prefotografo | Francesca Petretto

Il Canaletto prefotografo | Francesca Petretto