Image

I 22+22 Quadri di Giuseppe Caselli

La mostra organizzata dall’Archivio Giuseppe Caselli nello Spazio Startè da sabato 15 ottobre

Torna alla Spezia, dopo oltre 40 anni, una mostra dedicata a Giuseppe Caselli (Luzzara R.E. 1893 – La Spezia 1976), il pittore più amato e collezionato dagli spezzini. Ad ospitarla sarà lo Spazio Startè, in piazza Europa 16, associazione culturale presieduta da Paolo Asti che, nel 2016, in occasione del 40° anniversario della morte, ne ha costituito l’archivio omonimo. «Dopo le mostre Con gli occhi di Caselli che abbiamo organizzato nel 2017, negli spazi pubblici di Lerici e Portovenere – dichiara Paolo Asti che è anche il curatore della mostra – grazie al lavoro compiuto dall’Archivio, abbiamo voluto dare l’opportunità ai suoi tanti estimatori di poter nuovamente ammirare le opere di questo artista che, per troppi anni, è stato dimenticato dalle istituzioni spezzine. Abbiamo quindi dato pubblico avviso dell’ iniziativa, ricevendo un’entusiasmante risposta da numerosi collezionisti che già avevano archiviato le opere in loro possesso o che hanno deciso di farlo con l’occasione». La mostra, di cui verrà realizzato un catalogo, è dunque un ricognizione sul lavoro dell’artista presentando sia alcune opere esposte nella mostra della galleria Minotauro nel 1971, e altre mai esposte pubblicamente. «In un primo tempo avevamo pensato di esporre soltanto 22 opere facendo riferimento alla mostra, del 1930, di cui venne edito un piccolo catalogo (sarà possibile consultarne la copia in possesso dell’archivio), dal titolo 30 Quadri di Giuseppe Caselli ma la grande partecipazione degli spezzini – precisa Paolo Asti – ci ha fatto ripensare il tutto. Abbiamo deciso quindi di raddoppiare le opere esposte dividendo la mostra, che resterà aperta fino al 10 dicembre, in due sessioni espositive di 22 opere ciascuno, tra cui due che riportano l’etichetta del Premio del Golfo della Spezia, così da titolarla appunto 22+22 Quadri di Giuseppe Caselli».

Al fine di facilitare la fruizione, ogni opera sarà dotata di un QR Code che, inquadrato con il telefonino, rimanderà alla scheda completa dell’opera e al suo certificato di autenticità realizzato dalla società Ipsum con tecnologia NFT. Da precisare che ad oggi l’Archivio Caselli è l’unico archivio di opere d’arte al mondo che ha tutti i certificati di autenticità emessi custoditi su piattaforma tecnologica NFT. Nel corso della mostra saranno realizzate numerose iniziative di cui, nei prossimi giorni, sarà reso pubblico il calendario.

--- 

Giuseppe Caselli. Una breve biografia

Giuseppe Caselli – Luzzara (RE) 1893 La Spezia 1976 – è uno dei maggiori pittori spezzini ed è uno dei più conosciuti e amati dagli spezzini stessi.
Nel corso della sua lunga carriera, ha dipinto migliaia di opere, raffigurando ampiamente il territorio della provincia della Spezia, il suo Golfo e la Lunigiana; ha ritratto numerosi personaggi della storia spezzina e ha raffigurato innumerevoli scene dedicate al mare. Ha anche rappresentato la vita nel campo di prigionia di Mauthausen, dove è stato prigioniero durante la Prima Guerra Mondiale, ha dipinto numerose opere premonitrici del dramma del successivo conflitto. Le opere di Caselli sono presenti in collezioni private e pubbliche in tutto il territorio nazionale, ma anche all’estero, la parte più rilevante nella provincia della Spezia. L’Archivio Giuseppe Caselli è stato costituito nel 2016, anno del 40° anniversario dalla morte dell’artista, da Starte un’associazione culturale senza fini di lucro, nata alla Spezia nel 2010 per promuovere l’arte italiana che, nel corso degli anni, ha organizzato mostre in prestigiose sedi istituzionali italiane e internazionali, tra cui Los Angeles, New York, Stoccolma, Bruxelles, Strasburgo, Genova, Rapallo, collaborando con alcuni tra i più prestigiosi artisti italiani. L’Archivio Giuseppe Caselli, procedendo alla catalogazione documentale scientifica delle opere, ha l’obiettivo di valorizzare, promuovere, tutelare e diffondere la figura, l’immagine e l’opera dell’artista. Inoltre svolge attività collaterali quali: organizzare mostre personali; sviluppare ricerche e studi, oggetto anche di attività editoriali; formazione nelle scuole e nelle università; rilevazioni di mercato delle opere prodotte. L’Archivio Giuseppe Caselli è composto da un Comitato Scientifico, presieduto da Francesco Vaccarone, artista spezzino e allievo di Caselli. Il Comitato svolge le principali attività scientifiche volte alla valutazione, alla catalogazione e all’archiviazione delle opere, e supervisiona tutte le attività espositive, scientifiche, editoriali, formative e di mercato.

Il Comitato Scientifico

Presidente:FrancescoVaccarone
Segretario:Paolo Asti, presidente associazione culturale Startè
Membro: Valerio Dehò, professore di Estetica Accademia di Belle Arti di Bologna

Collabora con le attività dell’Archivio e del Comitato Scientifico: Silvia Martini dottoranda in discipline dell’arte musica e spettacolo.

Redazione GdA, 10 ottobre 2022 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nella Biblioteca Reale di Torino l’«Autoritratto» è esposto con sei disegni del Codice Atlantico che corroborano la tesi che nel celebre disegno Leonardo da Vinci abbia raffigurato sé stesso all’età di 65 anni

Lo spazio torinese, con un allestimento studiato in situ, accoglie ritratti a china e acquerelli in cui si libra un interessante cosmo femminile

Miglior partecipazione nazionale al Padiglione Australia con il progetto dell’aborigeno Archie Moore. Miglior artista nella mostra centrale il maori Mataaho Collective. Leone d’Argento alla 39enne nigeriana Karimah Ashadu e menzioni speciali al Kosovo, alla 88enne palestinese Samia Halaby e alla 35enne argentina La Chola Poblete

La Russia, che non partecipa alla Biennale di Venezia dall'invasione dell'Ucraina del febbraio 2022, ha ceduto l'uso del suo Padiglione ai Giardini alla Bolivia. Intitolata «Guardiamo al futuro passato, camminiamo in avanti», la mostra è organizzata dal Ministero delle Culture boliviano, con il viceministro Juan Carlos Cordero Nina in qualità di commissario. La ministra Esperanza Guevara ce la presenta in anteprima

I 22+22 Quadri di Giuseppe Caselli | Redazione GdA

I 22+22 Quadri di Giuseppe Caselli | Redazione GdA