Alexander Calder nel suo atelier a Roxbury (Stati Uniti), 1941 © 2021 Calder Foundation, New York / Artist Rights Society (ARS), New York

Image

Alexander Calder nel suo atelier a Roxbury (Stati Uniti), 1941 © 2021 Calder Foundation, New York / Artist Rights Society (ARS), New York

Giocare con Calder

In occasione della riapertura della Neue Nationalgalerie una monografica dell'artista scozzese

Dell’artista pittore, scenografo, costumista e scultore statunitense di origini scozzesi Alexander Calder (1898-1976), esponente dell’Arte cinetica cui diede il suo fondamentale contributo con l’invenzione dei «mobiles» (sculture alimentate da correnti d’aria o motori ad hoc) contrapposte alle statiche «stabiles», molte celebri opere sono sparse in Europa, Italia inclusa. Quella che ideò per l’inaugurazione della Neue Nationalgalerie, «Têtes et Queue» (Teste e coda, 1965), negli ultimi anni rimossa dalla sua sede all’esterno del museo in via di restauro, da fine agosto torna a risplendere sulla terrazza.

Per l’occasione, contestualmente alla riapertura del museo, dal 22 agosto al 13 febbraio 2022 è allestita la monografica «Alexander Calder. Minimal/Maximal». I visitatori potranno partecipare attivamente alla sperimentazione delle opere di Calder all’interno dell’edificio: oggetti espansivi e mobili, piccole miniature e grandi sculture statiche e/o in movimento, per entrare in diretto contatto con la filosofia dello scultore e partecipare al dialogo speciale delle sue opere con gli ambienti cui sono destinate. In questo caso la grande sala vetrata a pianta aperta dell’edificio di Mies; con esso, le sculture organiche di Calder sembrano giocare, senza mai stonare.

Alexander Calder nel suo atelier a Roxbury (Stati Uniti), 1941 © 2021 Calder Foundation, New York / Artist Rights Society (ARS), New York

Francesca Petretto, 21 agosto 2021 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

60 dipinti e 50 disegni allestiti alla Alte Nationalgalerie per la più importante mostra nell’anniversario della nascita del massimo pittore romantico tedesco

Le nuove generazioni di fotografi originari del centro America puntano l’obiettivo sul «qui ed ora»

Fotografia e video per raccontare il movimento che indaga le connessioni esistenti tra il sessismo, la discriminazione degli animali e l’abuso delle risorse naturali

L’artista statunitense fu la prima a unire arte e attivismo ecologico

Giocare con Calder | Francesca Petretto

Giocare con Calder | Francesca Petretto