«Concetto spaziale, Natura» (1959-1960), di Lucio Fontana. © Fondazione Lucio Fontana, by SIAE 2023

Image

«Concetto spaziale, Natura» (1959-1960), di Lucio Fontana. © Fondazione Lucio Fontana, by SIAE 2023

Giacometti-Fontana: materie forate e logorate

A Firenze, in Palazzo Vecchio, il dialogo tra i due artisti, proprio quando Fontana è protagonista assoluto al Museo del Novecento

La mostra «Giacometti-Fontana. La ricerca dell’assoluto», a cura di Chiara Gatti e Sergio Risaliti, che Palazzo Vecchio (Sala delle Udienze e Sala dei Gigli) ospita dal 2 marzo al 4 giugno, pone in dialogo in un progetto inedito Alberto Giacometti (1901-66) e Lucio Fontana (1899-1968). Figure apparentemente distanti, ma delle quali Risaliti sottolinea tangenze profonde nella comune ossessione per l’invisibile che è dentro e fuori di noi, nella carne e nel cosmo, nelle cellule e nelle stelle. Un’analoga tensione verso l’assoluto attraverso l’esperienza della materia e dell’immaginazione, in bilico fra la dimensione primordiale del tempo e quella cosmologica dello spazio.

Se Fontana proietta la mente oltre la superficie della tela e cerca di estrarre un bagliore dalla materia oscura, Giacometti cerca l’essenza dell’esserci a partire da uno «stare sulla terra» di matrice heideggeriana, procedendo a una sottrazione di corporeità in figure che sono concentrato di vita e di caducità insieme, negli anni, peraltro, degli scritti di Jean Paul Sartre, della ricerca di un infinito sigillato nei volumi erosi della materia stessa. Materia forata da Fontana e logorata da Giacometti ma sempre permeata da un senso del sacro, dove il principio delle cose è da cercarsi non nella cultura, ma in ciò che vien prima.

Proprio la relazione tra mondo finito e infinito è alla base della selezione di sculture e disegni della mostra «Lucio Fontana. L’origine du monde», che dal 2 marzo al 13 settembre si articola sui due piani del Museo Novecento e analizza la genesi di «Ambienti Spaziali», «Concetti Spaziali» e «Nature»: il titolo scelto rimanda al dipinto scandaloso di Courbet per un’interpretazione archetipica dell’eros come forza generatrice della vita umana e nel cosmo.

Così anche tagli e buchi di Fontana, e le sue rappresentazioni grafiche ci appaiono gesto primario, infantile, pulsione istintuale. Un’esperienza verso il passato dei primordi e verso il futuro dell’Universo, nella sua dimensione incalcolabile. La mostra si avvale del supporto e del prestito di un consistente nucleo di opere della Fondazione Lucio Fontana.

«Concetto spaziale, Natura» (1959-1960), di Lucio Fontana. © Fondazione Lucio Fontana, by SIAE 2023

Laura Lombardi, 28 febbraio 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Sarà pronto «entro un paio d’anni», auspica Tomaso Montanari, presidente della Fondazione Museo Archivio Richard Ginori della Manifattura di Doccia. «Ci saranno nuove sale del vasto ambiente progettato nel 1965 da Pier Niccolò Berardi»

La galleria Il Ponte di Firenze, che già nel 2019 gli aveva dedicato un «close up», presenta una retrospettiva dell’artista greco tra il 1959 e il 2022

L’artista cinese torna nella Galleria Continua con opere, anche inedite, dal 1995 ad oggi

Dopo un intervento presso l’Opificio delle Pietre Dure, che ha evidenziato l’eccezionalità della tecnica del maestro della Maniera, l’opera ha ripreso il proprio posto

Giacometti-Fontana: materie forate e logorate | Laura Lombardi

Giacometti-Fontana: materie forate e logorate | Laura Lombardi