«San Francesco in estasi» (1602-05 ca), di Orazio Gentileschi (particolare). Collezione privata. Cortesia Benappi Fine Art

Image

«San Francesco in estasi» (1602-05 ca), di Orazio Gentileschi (particolare). Collezione privata. Cortesia Benappi Fine Art

Gentileschi e Caravaggio e il saio di San Francesco

A Palazzo Barberini cinque raffigurazioni del Santo di Assisi a confronto, per un focus sulla pittura romana del primo Seicento

Da un inedito dipinto di Orazio Gentileschi, nasce la mostra «Orazio Gentileschi e l’immagine di san Francesco. La nascita del caravaggismo a Roma», ospitata a Palazzo Barberini dal 27 gennaio al 10 aprile. L’opera «San Francesco in estasi», dipinta dal pittore toscano intorno al 1602-05, è stata notificata dallo Stato italiano su parere di Yuri Primarosa, curatore, assieme a Giuseppe Porzio, dell’esposizione.

Il quadro è testimonianza preziosa del momento in cui Gentileschi, con libertà e afflato originale, guarda alle invenzioni della pittura caravaggesca. Il santo di Gentileschi, difatti, quanto mai lontano da un’idealizzata rappresentazione, esibisce la qualità del ritratto dal vero. Tre opere della collezione di Palazzo Barberini sono accostate al dipinto, permettendo un raffronto nell’ambito della pittura romana di primo Seicento.

Si tratta del «San Francesco in meditazione» (1606-07) attribuito a Caravaggio, del «San Francesco in preghiera» (1599 ca) del Cigoli e del «San Francesco sorretto da un angelo» (1610-12) ancora di Gentileschi. Altra tela, dal medesimo soggetto e sempre dipinta da Gentileschi nel 1602-05, è in prestito dal Prado. Completano l’esposizione, oltre a una foto di Massimo Listri della cripta dei cappuccini di via Veneto, e a un saio cappuccino dell’epoca, gli atti del celebre processo del 1603, intentato dal pittore Giovanni Baglione contro Caravaggio, Onorio Longhi, Filippo Trisegni e lo stesso Gentileschi.

Nelle carte del processo, conservate presso l’Archivio di Stato di Roma, si legge, oltre ai sonetti di dileggio indirizzati al Baglione, una testimonianza di Gentileschi, che dice di aver prestato al Merisi una veste da cappuccino. È suggestivo pensare che quella medesima veste, possa essere la stessa che Gentileschi fa indossare al suo san Francesco, messo in posa e ritratto secondo il metodo appreso proprio da Caravaggio.

«San Francesco in estasi» (1602-05 ca), di Orazio Gentileschi (particolare). Collezione privata. Cortesia Benappi Fine Art

Arianna Antoniutti, 25 gennaio 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Durante i lavori di riqualificazione della grande piazza pedonale che unirà l’area del Mausoleo di Adriano con la Basilica di San Pietro, emersi i resti di un impianto per la tintura e il lavaggio delle vesti: saranno ricollocati nei giardini di Castel Sant’Angelo

Stanno prendendo sempre più corpo la piattaforma e l’app volute da Gennaro Sangiuliano e guidate da Massimo Osanna per agevolare la visita dei luoghi della cultura statali 

Il capolavoro di Leon Battista Alberti ispirato al Santo Sepolcro farà da sfondo a 109 oggetti preziosi donati dalle corti europee alla Basilica di Gerusalemme, tra cui il cinquecentesco Ornamento di Ferdinando I de’ Medici che nei prossimi mesi verrà restaurato a Roma

Nei musei pubblici da più di vent’anni questi funzionari ogni giorno si occupano di prestiti e movimentazione di opere, ma non sempre figurano con questa dicitura: manca infatti il riconoscimento ufficiale della professione

Gentileschi e Caravaggio e il saio di San Francesco | Arianna Antoniutti

Gentileschi e Caravaggio e il saio di San Francesco | Arianna Antoniutti