«La notte» (1891) di Léon Frédéric (particolare), Gand, Museum voor Schone Kunsten. © Museum voor Schone Kunsten, Gand, www.lukasweb.be - Art in Flanders. Foto: Hugo Maertens

Image

«La notte» (1891) di Léon Frédéric (particolare), Gand, Museum voor Schone Kunsten. © Museum voor Schone Kunsten, Gand, www.lukasweb.be - Art in Flanders. Foto: Hugo Maertens

Fai brutti sogni

Alla Alte Nationalgalerie la declinazione belga del Simbolismo

Dall’1 luglio al 31 marzo 2021 l’Alte Nationalgalerie di Berlino dedica un’importante mostra dedicata a una particolare, e poco studiata, declinazione geografica del Simbolismo, quella belga, per alcuni versi differente, per altri addirittura ispiratrice della più nota francese.

Il titolo stesso, «Decadenza e sogni oscuri. Il Simbolismo belga», ne anticipa sfumature, afflati e istinti. A differenza dell’Impressionismo fiorito nel Paese con caratteristiche specifiche riconosciute e approfonditamente ricercate dagli studiosi, il suo cugino simbolista non ha ancora ottenuto l’attenzione che meriterebbe; eppure il Simbolismo belga ha delle specificità, morbose e decadenti, mistiche e lussuriose, esoteriche e tendenti all’assurdo, persino demoniache, come riflesso di alcune prime espressioni nella letteratura contemporanea (1900) e in un mondo dell’arte che fece da ponte tra le tensioni francesi e quelle dell’Inghilterra lungo l’asse Parigi-Bruxelles-Londra.

Vengono presentate tutte le figure chiave del movimento belga, dal pittore Antoine Joseph Wiertz (1806-65) allo scultore George Minne (1866-1941), passando per il grande maestro James Ensor (1860-1949) e colleghi, come Charles van der Stappen, Fernand Khnopff, Félicien Rops, Jean Delville con Léon Spilliaert, Xavier Mellery e Georges Lebrun. La mostra è stata allestita con l’aiuto e i prestiti dei Musées royaux des Beaux-Arts de Belgique di Bruxelles.

«La notte» (1891) di Léon Frédéric (particolare), Gand, Museum voor Schone Kunsten. © Museum voor Schone Kunsten, Gand, www.lukasweb.be - Art in Flanders. Foto: Hugo Maertens

Francesca Petretto, 01 luglio 2020 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

All’Hamburger Kunsthalle 120 opere del poeta e artista inglese in prestito dal Fitzwilliam Museum di Cambridge

Oltre 250 opere per «The Velvet Rage», il libro che descrive che cosa significa essere omosessuali in un mondo etero

La prima personale in Germania del fotografo afroamericano tra fotografia e videoarte all’Amerika Haus di Berlino

Installazioni, fotografie e neon dell’artista israeliana, protagonista del Padiglione tedesco alla Biennale di Venezia, in mostra a Brema

Fai brutti sogni | Francesca Petretto

Fai brutti sogni | Francesca Petretto