Emily Jacir. Foto: John McRae

Image

Emily Jacir. Foto: John McRae

Emily Jacir indaga la politica svizzera

Al Musée Cantonal di Losanna un’installazione cinematografica della 53enne artista palestinese

Nel Musée cantonal des Beaux-Arts è visibile fino al 27 agosto l’installazione cinematografica «We ate the wind» di Emily Jacir. «È un’opera, racconta la curatrice Nicole Schweizerpotente e commovente che affronta le questioni della visibilità e dell’invisibilità, della vicinanza e della distanza, dell’ospitalità e dell’esclusione, per esplorare un aspetto recente della politica svizzera sull’immigrazione e il suo impatto sugli individui e sulle comunità». Terminata la seconda guerra mondiale la Svizzera ha adottato una politica fondata sulla «raccolta di lavoratori ospiti», non destinati a stabilirsi permanentemente.

Tale scelta ha dato vita a uno status, abolito solo nel 2002, di lavoratori stagionali. Una condizione che negava il ricongiungimento familiare e, talvolta, costringeva i figli degli immigrati a nascondersi nell’ombra e nel silenzio. Partendo dalla sua storia personale e ispirata dalle danze tradizionali del Sud Italia, come la «pizzica», insieme alla sua comunità di ballerini e musicisti, Jacir (Ramallah, Palestina, 1970) ha creato un’armoniosa sinfonia di movimenti e suoni così che il silenzio imposto ai bambini venga contrastato dal ritmo, e la solitudine e la reclusione siano sostituiti con la gioia del movimento.

Emily Jacir. Foto: John McRae

Rischa Paterlini, 30 giugno 2023 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

In una mostra curata da Andrea Bellini che è un’opera d’arte totale e immersiva, l’artista svizzero-brasiliano Guerreiro do Divino Amor invita a sedersi, guardare e ascoltare, perché per capire non servono istruzioni per l’uso

Nelle due sedi della galleria, a Milano e a Genova, fotografie, monocromi e opere multimediali di «Monkey Man»

Al Teatro Margherita ritratti, momenti storici, animali domestici e autoritratti del fotografo recentemente scomparso

La Galleria Raffaella Cortese, con cui l’autrice americana collabora dal 2001, presenta 100 sue fotografie scattate lungo i suggestivi 2mila chilometri del Rio Grande

Emily Jacir indaga la politica svizzera | Rischa Paterlini

Emily Jacir indaga la politica svizzera | Rischa Paterlini